• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Figc, oggi il consiglio: via alle riforme su campionati e rose

Figc, oggi il consiglio: via alle riforme su campionati e rose

Si discuterà del progressivo taglio del numero di squadre dopo la nomina del nuovo Dg


Carlo Tavecchio (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

12/09/2014 07:13

FIGC CONSIGLIO FEDERALE RIFORME CAMPIONATI ROSE DG / ROMA - Un consiglio d'urgenza, perché le riforme per cambiare il calcio non possono più aspettare. Convocato lunedì scorso, le ultime news Serie A sono tutte per l'organo federale che si riunisce oggi per discutere delle nuove norme che dovranno rilanciare il sistema italiano. L'apertura sarà affidata al presidente Carlo Tavecchio, che procederà alla nomina del nuovo Direttore Generale, Michele Uva, che prenderà il posto di Antonello Valentini.

Poi spazio a Claudio Lotito, al quale Tavecchio ha affidato la delega per le proposte di riforma dell'assetto normativo della Figc. Ed i punti da trattare, riferisce il 'Corriere dello Sport', saranno tanti. A partire dall'organizzazione dei club seguendo lo stile Uefa, cioè con rose da 25 giocatori di cui 6 o 8 provenienti dal settore giovanile e tesserati da almeno 3 anni, e passando per il nuovo format dei campionati professionistici, che dovrebbe prevedere il taglio del numero di squadre in ciascun torneo spalmato in più anni, fino a raggiungere quota 18 formazioni in A, 20 in B e 36 o 40 in Lega Pro. Altri punti importanti, poi, la liberalizzazione delle multiproprietà e del doppio tesseramento dei tecnici nella stessa stagione. E' prevista poi la modifica dei criteri dei ripescaggi, che darebbe maggior peso ai diritti sportivi abolendo la variabile storica ed introducendo anche un 'bonus azzurro' in base a quanti giocatori ogni squadra mette a disposizione della Nazionale. 

La svolta, però, non sarà oggi. Si discuterà, saranno messe sul piatto le proposte che da qui ai prossimi mesi andranno tradotte in riforme. L'opposizione, con l'Aic guidata da Damiano Tommasi e l'Aiac di Ulivieri (oggi assente), è pronta a dire la sua, consapevole che ogni norma richiede il 75% dei consensi.

Entra a far parte della nostra cerchia, clicca G+




Commenta con Facebook