• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Capello: "Per lo Scudetto occhio al Napoli. Pogba? In lui rivedo Ibrahimovic"

Serie A, Capello: "Per lo Scudetto occhio al Napoli. Pogba? In lui rivedo Ibrahimovic"

Il commissario tecnico della Russia commenta anche il nuovo ciclo della Nazionale


Capello (Getty Images)

10/09/2014 19:40

ITALIA CAPELLO CONTE SCUDETTO POGBA / ROMA - Juventus e Roma favorite, ma occhio al Napoli: questo il pronostico scudetto di Fabio Capello. Il commissario tecnico della Russia a 'Sky' afferma: "Tra le favorite per lo Scudetto metterei anche il Napoli, non lo sottovalutei. Dovendo scegliere, Juve e Roma sono quelle che hanno maggiori possibilità visto le potenzialità. Milan? Auguro ai rossoneri di fare un grande campionato e tornare in Europa. Inzaghi sta facendo bene, ha portato uno spirito nuovo, però senza grandi calciatori è difficile fare delle cose veramente importanti. Puoi durare per un certo periodo, però in certi momenti hai bisogno della qualità". 

CHAMPIONS - "Vedo due squadre superiori alle altre: Bayern e Chelsea. Poi le spagnole sono sempre pericolose, mentre le italiane sono un gradino sotto: ma abbiamo visto l'Atletico di Simeone che con la volontà è riuscito ad arrivare in finale"

POGBA - "È un grande giocatore: ha qualità naturali che si trovano solo in certo giocatori. In lui rivedo Ibrahimovic quando arrivò a Juventus: ci vuole un po' di tempo, ma brucerà le tappe come ha fatto Zlatan. Paragone con Zidane e Platini? Non ha la qualità di questi giocatori, il confronto ci può stare nel senso che è un campione".

CONTE - "Un allenatore deve avere le proprie idee e portarle avanti: in questo Conte mi sembra uno deciso e poi le vittorie portano entusiasmo. Certo con le nazionali non si lavora tutti i giorni, non c'è la possibilità di correggere gli errori quotidianamente. Questo rende tutto più difficile". 

B.D.S.

 




Commenta con Facebook