• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > PAGELLE E TABELLINO DI NORVEGIA-ITALIA

PAGELLE E TABELLINO DI NORVEGIA-ITALIA

Rivelazione Zaza. Florenzi rimandato. King spicca tra gli scandinavi


La rete di Zaza (Getty Images)
Ilario Bali'

09/09/2014 22:53

PAGELLE E TABELLINO NORVEGIA-ITALIA / OSLO – Nella prima Italia ufficiale di Antonio Conte arrivano conferme importanti per Simone Zaza, al primo centro con la maglia della nazionale. Bene anche De Rossi come schermo davanti alla difesa, e il generoso Immobile. Da rivedere Florenzi e Giaccherini. Nelle fila norvegesi si salva King, prima punta che fa reparto da solo, e dell’esperto Johansen.

 

NORVEGIA

Nyland 5.5 – Esente da colpe sul gol di Zaza, stava per combinarla grossa su un siluro forte ma centrale di Giaccherini.

Elabdellaoui 5.5 – Eccede in qualche dribbiling di troppo cercando di arginare la propulsione offensiva dell’attacco azzurro, senza riuscirci.

Forren 6 – Evita la disfatta con un salvataggio provvidenziale sulla linea di porta nel finale di partita, riscattando così una prestazioen in chiaroscuro.

Nordtveit 6 – Propositivo ed intraprendente in avvio di gara, protagonista involontario in occasione del gol di Zaza, quando mette fuori causa Nyland con una sfortunata deviazione.

Flo 5.5 – Spesso fuori giri per le scorribande di Darmian sulla destra, corre spesso a vuoto incappando nella classica serata no.

Nielsen 5.5 – Nervoso ed impacciato, non una partita indimenticabile per la mezz’ala norvegese. Dal 49’ Elyounoussi 6 – di lui, classe ’94, si dice un gran bene. Poche le occasioni per mettersi in mostra.

Johansen 6 – Apprezzabile la prestazione del centrocampista del Celtic. Si posiziona davanti alla difesa risultando essere uno dei migliori dei suoi.

Jenssen 5.5 –  Scompare completamente dalla scena dopo un buon avvio di gara. Dal 69’ Tettey s. v.

Skjelbred 5.5 – Agisce sulla corsia di destra senza mai trovare il guizzo giusto per pungere. Dal 74’ Pedersen s. v.

Daehli 5.5 – Si fa trovare spesso vicino a King in fase di ripartenza, ma il duello con Astori è impari.

King 6.5 – Esterno d’attacco che può adattarsi a giocare come seconda punta. Tecnicamente superiore ai suoi compagni di squadra, è l’elemento che crea i problemi maggiori alla retroguardia azzurra.

All. Hoegmo 5.5 – Le cose migliori la sua squadra le offre nel periodo a cavallo tra i due tempi. Prova a tenere testa agli azzurri fino al gol di Bonucci.

 

ITALIA

Buffon 6 – Serata tranquilla per il numero uno azzurro. Qualche intervento di ordinaria amministrazione e poco più.

Ranocchia 6 – Pur essendo il meno reattivo del reparto arretrato, non corre mai seri rischi, risolvendo con autorevolezza le mischie più pericolose.

Bonucci 6.5 – Come nel match contro l’Olanda, ha il compito di impostare l’azione da dietro. I suoi lanci lunghi aprono spazi interessanti per il contropiede italiano. Sfrutta un buco difensivo dei padroni di casa insaccando di testa la rete che congela il match.

Astori 6.5 – Discreto in fase di copertura, non fa rimpiangere Chiellini e rispetta le consegne senza patemi d’animo.

Darmian 6.5 – Vince il ballottaggio con Candreva, agendo da esterno offensivo più adatto ad un tridente. Le sue distese mettono spesso in apprensione la difesa scandinava. Dal 60’ Pasqual  6.5 – Dopo un nanosecondo dal suo ingresso in campo pennella un cross per la testa di Bonucci che vale il raddoppio.

Florenzi 5.5 – Sostituisce lo squalificato Marchisio ma non sembra in grande serata. L’ammonizione rimediata per un brutto fallo fa infuriare Conte. Dal 86’ Poli s. v.

De Rossi 6.5 – Perno della linea mediana, garantisce una buona copertura alla difesa, sebbene un po’ abbandonato da Giaccherini e Florenzi.

Giaccherini 6 – Sempre più incisivo nella metà campo avversaria, meno in fase di ripiegamento a centrocampo.

De Sciglio 6 – Non riesce a ripetere la buona prestazione offerta contro l’Olanda, pur confermando di sapre giocare sia a destra che a sinistra.

Zaza 7 – Suo il gol che sblocca la gara con un diagonale da attaccante di razza. La traversa colpita nel finale grida ancora vendetta. Appena due partite da titolare ma sembra già inamovibile. Dal 75’ Destro s. v.

Immobile 6.5 – L’intesa con Zaza migliora di partita in partita. Fa sentire il suo contributo anche in fase difensiva.

All. Conte 6.5 – Grinta, determinazione e attenzione. Sembra già una squadra ad immagine e somiglinaza dell’ex tecnico della Juventus che in una settimana ha fatto già dimenticare il flop in Brasile.

Arbitro: Mazic (Srb) 6.5 – Dubbia la posizione di Immobile sul gol di Zaza, unico episodio di una gara diretta all’inglese. Il dialogo con i giocatori gli conferisce autorità e personalità. Giusti i cartellini estratti.

 

TABELLINO

NORVEGIA-ITALIA 0-2

Norvegia (4-5-1): Nyland; Elabdellaoui, Nordtveit, Forren, Flo; Daelhi, Skjelbred (74’ Pedersen), Johanesen, Jensse (69’ Tettey), Nielsen (49’ Elyounoussi); King. A disp.: Jarstein, Hansen, Semb Berge, Hagen, Tettey, Samuelsen, Danielsen, Konradsen, Kamara. All.: Hoegmo

Italia (3-5-2): Buffon; Ranocchia, Bonucci, Astori; Darmian (60’ Pasqual), Florenzi (86’ Poli), De Rossi, Giaccherini, De Sciglio; Zaza (75’ Destro), Immobile. A disp.: Sirigu, Ogbonna, Maggio, Candreva, Verratti, Parolo, El Shaarawy, Giovinco, Perin. All.: Conte

Arbitro: Mazic (Srb)

Marcatori: 15’ Zaza (I), 60’ Bonucci (I).

Ammoniti: Florenzi (I), Astori (I), Nordtveit (N), Forren (N).

Espulsi: nessuno 




Commenta con Facebook