• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Serie A, Lamela: "Vicino al ritorno? C'è stato qualche sondaggio. Scudetto dico Roma"

Serie A, Lamela: "Vicino al ritorno? C'è stato qualche sondaggio. Scudetto dico Roma"

L'argentino è tornato a brillare dopo una stagione difficile. "Adesso penso solo al Tottenham"


Erick Lamela (Getty Images)
Marco Di Federico

05/09/2014 08:39

TOTTENHAM JUVENTUS INTER ROMA LAMELA ARGENTINA / LONDRA (Inghilterra) - Lo scorso anno pareva si fosse perso per strada ed i 30 milioni di euro spesi dal Tottenham sembravano uno dei più grossi errori di mercato nella storia degli 'Spurs'. Quest'anno, però, Erik Lamela è tornato ad essere il giocatore che aveva stregato i tifosi della Roma sotto la guida di Zeman, con il gol alla Germania in amichevole come chicca di questo ottimo inizio di stagione. "Quella scorsa per me è stata una stagione complicata, nella quale ho dovuto superare un serio infortunio. - le parole dell'argentino al 'Corriere dello Sport' - Ci sono stati momenti non facili, ma ora mi sento bene. Devo ringraziare il Tottenham per la pazienza che ha avuto. Il peggio è passato, ora voglio impormi in Premier League. Ritorno in Serie A? Ho letto tante cose e diciamo che qualche sondaggio c'è stato, ma io non ho mai avuto contatti diretti. Adesso penso solo al Tottenham".

ROMA - "Tifo perché vinca lo Scudetto. L'anno scorso la Juventus era davvero difficile da battere, quest'anno può essere la volta buona. Il calciomercato della Roma è stato importante ed ha tanti ottimi calciatori. Ho la convinzione che possa lottare fino alla fine per il titolo e vincerlo. E poi c'è Totti: ha una classe incredibile ed è tra i più grandi al mondo"

ARGENTINA - "Sono contento per la chiamata di Martino, per la vittoria e per la mia prestazione. Quando mi è arrivata la convocazione ero al settimo cielo perché non me l'aspettavo. Quando ho visto il pallone entrare dopo il grande assist di Di Maria è stato difficile trattenere la gioia, ma mentirei se dicessi che volevo mettere la palla proprio all'incrocio...".




Commenta con Facebook