• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, El Shaarawy: "Conte come Inzaghi. Voglio ripagare la loro fiducia"

Italia, El Shaarawy: "Conte come Inzaghi. Voglio ripagare la loro fiducia"

L'attaccante azzurro è intervenuto da Coverciano per parlare della stagione del rilancio


Stephan El Shaarawy (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

02/09/2014 16:00

CALCIO ITALIA EL SHARAAWY CONFERENZA STAMPA / COVERCIANO- Buone notizie Italia: Stephan El Shaarawy è tornato dopo un periodo di calo ed è più carico che mai. Dal ritiro della Nazionale italiana a Coverciano, il talento del Milan ha parlato in conferenza stampa per presentare le sfide con Olanda e Norvegia, le prime della nuova gestione azzurra di Antonio Conte. Queste le sue parole: "Sono contento di essere tornato. Sono più maturo, sono stati mesi difficili. Dispiace non aver preso parte al Mondiale ma ora sto bene e posso dare un contributo ai miei compagni".

INZAGHI E CONTE - "Sono allenatori simili e mi hanno dato tanto. Due motivatori con tanto spirito di applicazione e sacrificio. Vogliono vincere e mi sono trovato bene con tutti e due. Curano molto l'aspetto mentale oltre a quello tecnico e tattico. Possono fare bene entrambi, trasmettono voglia e carica. Riescono ad entrare nel cuore delle persone. Lavorare sulla testa è un vantaggio per me, mi aiuta molto e poi con Filippo ho giocato ed ho un rapporto diretto. Mi consiglia come quando ero suo compagno. Con Conte il rapporto è stato buono fin da subito".

BALOTELLI E KAKA' - "Spero abbia fatto la scelta giusta per lui e la sua squadra, gli faccio un grosso in bocca al lupo e spero dimostri le sue qualità perché a livello tecnico è uno dei migliori al mondo. Anche con Kakà mi ero trovato molto bene, era il mio idolo ed è stato un piacere condividere momenti con lui. Ma non sono più giocatori del Milan e pensiamo al presente. Su Mario preferirei non concentrarmi, ora è un giocatore del Liverpool".

SITUAZIONE GIOVANI - "Tutte le società devono seguire la stessa strada cercando di far crescere i giovani per valorizzarli. E' fondamentale".

MODULO DI CONTE - "Quando Conte è venuto a Milanello mi ha fatto un'ottima impressione. Mi ha chiesto dove posso giocare e io gli ho detto che posso fare la seconda punta e il quinto di centrocampo. Da me avrà la massima disponibilità".

CONVOCAZIONI - "Conte ha detto che nessuno è escluso e nessuno è sicuro del posto, ha fatto le sue scelte e dobbiamo rispettarle. Siamo tutti in discussione":

MILAN DI INZAGHI - "Pippo ha dato tanta voglia di fare e da parte nostra c'è spirito di sacrificio. Lui è un allenatore vincente e vuole far tornare grande il Milan".

STAGIONE CHE VERRA' - "Sono contento di come è cominciata, con il Trofeo Tim e la vittoria sulla Lazio. Abbiamo lavorato bene con la preparazione anche se negli Usa sono mancati i risultati. Dobbiamo ancora fare tanto perché siamo alla prima. Io sono contento di quello che ho fatto ora ma spero di poter continuare a dare un contributo importante, sia al Milan che in Nazionale perché i due allenatori credono in me spero di ripagare la loro fiducia". L'obiettivo è quello della doppia cifra quest'anno. Voglio arrivare a dieci gol ma il primo obiettivo è quello di arrivare in Champions League. Le ambizioni da singolo arrivano dopo. In Nazionale l'obiettivo è di fare bene e di essere convocato".

PERIODO DIFFICILE - "Da quando è arrivato Balotelli al Milan abbbiamo cambiato modo di giocare, aveva caratteristiche differenti dagli attaccanti che c'erano. La colpa non è sua, il mio calo è stato mentale più che tecnico. Arrivavo da 16 gol in campionato e a vent'anni ci può stare. Credo che io e Balotelli abbiamo fatto anche cose buone, arrivando anche in Champions League grazie anche a tutta la squadra. Non voglio accusare nessuno".

 




Commenta con Facebook