• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Osvaldo: "Ora contano i fatti. Voglio restare a lungo"

Inter, Osvaldo: "Ora contano i fatti. Voglio restare a lungo"

L'attaccante nerazzurro carica l'ambiente in vista dell'esordio in Serie A


Pablo Daniel Osvaldo (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

31/08/2014 08:47

CALCIOMERCATO INTER INTERVISTA OSVALDO / MILANO - Pablo Daniel Osvaldo, neo attaccante dell'Inter, ha rilasciato una lunga intervista a 'La Gazzetta Sportiva'. Ve ne riportiamo alcuni estratti:

L'INCONTRO CON MARADONA - "Ho 17 anni e Olarticoechea mi dice che dobbiamo raggiungere un amico. E mi fa: portati dietro una tua maglia dell’Huracan, lui la vuole. Andiamo e suoniamo al campanello. Si apre la porta: Maradona. 'Hola Daniel' mi fa. 'Sabato ho visto la tua partita, sei bravo'. Comincio a piangere, emozione".

OBIETTIVI INTER - "Zero chiacchiere, che poi a parlare troppo ci si porta anche sfiga. Amiamo i fatti, come dice spesso Mazzarri".

MAZZARRI - "Iniziare in un posto nuovo con un tecnico che ti ha fortemente voluto è bello e stimolante: devi dimostrare di meritare la fiducia e che lui non si è sbagliato. Di lui mi piace il carattere. E mi ci trovo bene a lavorare sul campo".

BAD BOY - "All’inizio questa etichetta mi faceva inca....e, ora ci rido su. Io sono normalissimo, uno al quale fa imbestialire una sola cosa: l’ingiustizia. Non la sopporto, e se la vedo perdo la testa. Ho sempre reagito alle ingiustizie, passando anche dalla parte del torto: esagerando. Ora sto imparando a tranquillizzarmi. Su 10 cazzotti narrati ne avrò dati realmente 2 (ride, n.d.r.). Poi c’era una piazza a cui stavo sulle p... e cercavano un colpevole".

PASSATO, PRESENTE E FUTURO - "Perché ho cambiato tante squadre? Perché un po’ è andata così, un po’ non lo so e non mi piace guardare indietro. Ora, però, all’Inter vorrei starci un bel po’ di tempo. Abbiamo giocatori di quantità e qualità. Icardi è fortissimo, un vero killer: ci troviamo benissimo. Poi manca Rodrigo: un campione. Lavezzi? Pocho è Pocho ma non chiedete a me. Siamo l’Inter: pensare di fare bene e... meglio è d’obbligo".

NAZIONALE - "Anche con Conte ho un rapporto ottimo: i temi del carattere da mettere in campo sono gli stessi. Senza di lui la Juventus avrà meno fame? Non credo. La Nazionale? Davvero bello poterci tornare".
 




Commenta con Facebook