• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Benatia-Bayern Monaco, vincono tutti ma aveva ragione 'Il Menestrello'...

Benatia-Bayern Monaco, vincono tutti ma aveva ragione 'Il Menestrello'...

Il film della telenovela legata al centrale marocchino, ora neo acquisto del Bayern


Eleonora Trotta (Twitter: @elenora_trotta)

26/08/2014 21:30

BENATIA ROMA / ROMA - Hanno vinto tutti: la Roma, Mehdi Benatia e il Bayern.  Ventisei milioni di euro + quattro di bonus al club tedesco, un contratto di 5 anni a cifre molto più elevate al centrale difensivo e un pronto sostituto per Guardiola dopo l'infortunio di Javi Martinez. Un lieto fine di una telenovela iniziata mesi fa e che ha conosciuto la parola 'rottura', come vi abbiamo ampiamente anticipato,  una sera di metà maggio: a cena da una parte Walter Sabatini e Baldissoni, dall'altra l'agente dell'ex Udinese Moussa Sissoko. Sul tavolo una proposta di adeguamento di 300.000 euro, nei pensieri dell'entourage del calciatore un nuovo contratto che sarebbe dovuto arrivare per una promessa verbale condivisa nel giugno 2013, per un ottimo rendimento del calciatore sul campo e per allontanare le sirene dei club stranieri, già molto rumorose dallo scorso dicembre.

 

Ma l'accordo non c'è. Le parti sono molto distanti, Mehdi e il suo entourage, delusi, rafforzano un pensiero nato già da qualche mese: alla luce dei corteggiamenti delle big europee, qualcuno a Trigoria non sarebbe dispiaciuto all'idea di una cessione eccellente. Di un addio che, dopo l'affaire Marquinhos, avrebbe permesso a Walter Sabatini di monetizzare ancora una volta l'addio del pezzo più richiesto della difesa durante questo calciomercato. Le sirene dall'Inghilterra e Germania nel frattempo continuano a suonare, e qualcuno fissa il prezzo di Benatia a 30 milioni di euro. Una cifra che Walter Sabatini non condivide, almeno davanti i microfoni, ma che con il tempo sarà 'costretto' ad accettare, consapevole di aver effettuato un altro grande doppio colpo.


Mentre continuano ad arrivare, infatti, le dichiarazioni di Pallotta ("Benatia resta"), il ds giallorosso pensava già al sostituto con l'agente Mino Raiola, entrato a Trigoria grazie all'operazione low-cost Emanuelson. Un antipasto, abbiamo pensato in molti, per il vero acquisto, per un altro giocatore che l'esperto dirigente giallorosso è riuscito a strappare alla concorrenza e Juventus: il greco Kostas Manolas.

Il 5 agosto diventa così un'altra giornata cruciale del mercato giallorosso. I dirigenti dell'Olympiacos sbarcano a Fiumicino, incontrano Sabatini e chiudono l'accordo di massima sulla base di 13 milioni di euro (il prezzo iniziale era di 13+2 milioni di euro). Tutto - quasi - concluso, anche se per gli inglesi e i tabloid britannici Manolas avrebbe dovuto svolgere le visite all'Arsenal.

Ma prima di formalizzare il nuovo arrivo ellenico, c'è chiaramente l'obbligo di cedere Benatia. Resta solo il Bayern: i tedeschi partono dai 25 milioni di euro, la Roma replica con 35 milioni di euro. Il 19 agosto mentre qualcuno annunciava un certo rinnovo - mai realmente considerato come vi abbiamo raccontato - Moussa Sissoko e Sabatini si vedono, prima a Milano e poi a Roma, per discutere così la cessione del centrale marocchino. Non ci sono rilanci dall'Inghilterra, l'obbligo è quello di chiudere in tempi brevi con Karl-Heinz Rummenigge. L'intesa quinquennale tra il Bayern e il giocatore è presto trovata, l'ottimismo non manca nonostante qualche piccola frenata: bastava solo un piccolo passo indietro della Roma e uno in avanti del Bayern arrivato nei giorni scorsi con la puntuale mediazione di Giovanni Branchini, agente di numerosi giocatori e punto di riferimento italiano per i Campioni di Germania in Italia. Tutti felici, contenti e vincenti anche se, per dirla alla Sabatini, alla fine ha avuto ragione 'Il Menestrello'. Benatia è stato venduto al prezzo del suo piede sinistro.




Commenta con Facebook