• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inghilterra > Calciomercato, da Aquilani a Dossena: gli italiani a Liverpool prima di Balotelli

Calciomercato, da Aquilani a Dossena: gli italiani a Liverpool prima di Balotelli

Storia degli azzurri che hanno indossato la maglia dei 'Reds'


Aquilani (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

22/08/2014 19:11

CALCIOMERCATO BALOTELLI AQUILANI LIVERPOOL/ ROMA - Mario Balotelli, il quinto 'Beatles': il paragone con i quattro baronetti del Rock, quando si parla di Liverpool, può sembrare più scontato di un calcio di punizione di Pirlo finito all'incrocio dei pali. Super Mario però, insieme ad Aquilani, Borini, Dossena e Padelli, è il quinto italiano a vestire la maglia dei 'Reds' dal 2007 ad oggi. I tifosi di 'Anfield', vicini ad accogliere il loro nuovo attaccante, sperano che Balotelli al Liverpool faccia meglio dei suoi predecessori azzurri.

PADELLI - In principio fu Padelli, portiere che dal Crotone si ritrovò proiettato giovanissimo nel magico mondo della Premier League. Era il 2007 quando i 'Reds' presero in prestito l'attuale estremo difensore del Torino. Un'esperienza sicuramente formativa ma non troppo fortunata per Padelli che collezionò la miseria di una sola presenza con il club allora vice-campione d'Europa. Finita la stagione, venne rispedito in Italia dove dopo varie peripezie tra Pisa, Avellino, Bari e Udinese, è riuscito a trovare la definitiva consacrazione in maglia granata.

DOSSENA - Molto meglio è andata a Dossena, terzino sinistro che il Liverpool acquistò dall'Udinese nel luglio del 2008 per 10 milioni di euro. Un colpo riuscito, almeno per la prima stagione: stantuffo inesorabile sulla fascia, Dossena lasciò il segno in due partite che restano ancora oggi nel cuore dei tifosi 'Reds'. Segnò in Champions League nel 4-0 inflitto da Gerrad e compagni al Real Madrid (ritorno degli ottavi di finale) per poi ripetersi quattro giorni dopo in casa del Manchester United, con un pallonetto nel 4-1 che permise agli uomini di Benitez di violare la tana degli eterni rivali.

AQUILANI - Alberto Aquilani invece fu protagonista di un tormentone di calciomercato che lo vide passare dalla Roma al Liverpool per 25 milioni di euro nell'estate del 2009. Reduce da un grave infortunio rimediato in maglia giallorossa, Aquilani non è riuscito a tenere fede alla fama di erede di Xabi Alonso con la quale si era presentato ad 'Anfield Road'. Dopo una stagione opaca, venne spedito in prestito prima alla Juventus - dove giocò con alti e bassi - poi al Milan fresco campione d'Italia. Quando i rossoneri non esercitarono il diritto di riscatto del suo cartellino, dovette tornare al Liverpool che lo cedette alla Fiorentina.

BORINI - Ancora tutta da scrivere la storia di Fabio Borini al Liverpool: come successo per Aquilani, l'attaccante cresciuto nel settore giovanile del Chelsea arrivò in 'Reds' dalla Roma, società che decise di cederlo e puntare su Destro. A volerlo fu Brendan Rodgers che lo aveva già allenato ai tempi dello Swansea. Nonostante le buone premesse, dopo un anno Borini venne girato in prestito al Sunderland perché chiuso dalla concorrenza in attacco con Suarez e Sturridge. Tornato in estate a Liverpool, ora Borini si ritroverà come compagno di squadra Mario Balotelli: con lui potrebbe formare la coppia del futuro sia per i 'Reds' che per la Nazionale italiana. 




Commenta con Facebook