• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > Calciomercato Inter, la parabola di Jonathan: prima 'bidone' ora il rinnovo

Calciomercato Inter, la parabola di Jonathan: prima 'bidone' ora il rinnovo

Lavoro e determinazione: così il brasiliano ha conquistato Mazzarri


Jonathan ai tempi dell
Jonathan Terreni

15/08/2014 11:19

MERCATO INTER RINNOVO JONATHAN / MILANO - Era arrivato a Milano nell'era post 'Triplete' con l'etichetta decisamente scomoda di nuovo Maicon. Jonathan Cicero Moreira, per tutti solo Jonathan ha dovuto faticare non poco per farsi apprezzare da tutto l'ambiente nerazzurro, tifosi in primis. 5 milioni in prezzo pagato nel calciomercato allora da Branca per strapparlo al Santos, dove aveva fatto vedere le sue qualità. E fin dalle prime partite erano partiti i mugugni e i fischi di 'San Siro' perchè di Maicon, lui, sembrava avesse ben poco. I nerazzurri però ci hanno creduto e con lui è stato fatto un lavoro ad hoc. Prima le diete per mettersi a posto fisicamente, poi il lavoro sulla testa perchè, chi lo conosce, lo descrive come un ragazzo d'oro, sensibile e incline allo sconforto.

Poi la partentesi a Parma, per giocare con più continuità e far vedere a tutti che lui non era il classico 'bidone' arrivato dal Sudamerica. 12 presenze ed un gol con i ducali nel 2012 gli sono valse la riconferma la stagione seguente con Stramaccioni dove ha iniziato a mettere minutaggio importante, facilitato anche ad un organico nerazzurro ben lontano da quello dei trionfi muorinhani. Lui intanto cresce e inizia a trasformare i fischi in timidi applausi con prestazioni di grande impegno. Il pubblico apprezza e diventa il 'Divino'. E c'è chi da lontano lo osserva con attenzione...

Walter Mazzarri infatti lo voleva portare già a Napoli. A lui è sempre piaciuto e guai a definirlo bidone. Se lo è ritrovato all'Inter e non ha voluto sentir parlare di cessioni. Ci ha lavorato sodo, sull'uomo prima ancora che sul calciatore. Quasi sempre titolare lo scorso anno e adesso è diventato un elemento importante all'interno del gruppo interista, allontanando il suo nome dal mercato Inter in uscita. Oggi il tecnico toscano lo prova anche come interno di centrocampo mentre dirigenti nerazzurri continuano a lavorare per il rinnovo del suo contratto in scadenza nel 2015. L'obiettivo è quello di prolungare fino al 2017. Il brutto anatroccolo è diventato cigno.




Commenta con Facebook