• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Inter, Kovacic: "Niente proclami, la concorrenza si è rafforzata. Ma se la Juve perde Vidal..."

Inter, Kovacic: "Niente proclami, la concorrenza si è rafforzata. Ma se la Juve perde Vidal..."

Il centrocampista dell'Inter a 360° in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport'


Mateo Kovacic (Getty Images)
Marco Di Federico

05/08/2014 07:21

INTER THOHIR KOVACIC MAZZARRI SCUDETTO / WASHINGTON (Usa) - Dopo una stagione di transizione Mateo Kovacic è pronto per diventare il faro della nuova Inter sotto la sapiente guida di Walter Mazzarri. Le ultime notizie Inter parlano di un presidente Thohir entusiasta del croato, tanto da eleggerlo top-player della squadra insieme ad Icardi nonostante siano arrivati giocatori del calibro di Vidic, Dodò, M'Vila ed Osvaldo. In attesa di Medel. "Io metto sempre al centro il gruppo. Se fa bene la squadra, cresco anch'io. - spiega il croato a 'La Gazzetta dello Sport' - Le parole del presidente mi fanno piacere. Ora tocca a me, anche se questa investitura non mi mette addosso alcuna pressione. Da ragazzino giocavo dietro alle punte, poi in prima squadra alla Dinamo Zagabria mi hanno arretrato come centrale nel 4-4-2. Nel nuovo ruolo in cui mi vede Mazzarri mi trovo benissimo: ho maggiore spazio per le mie accelerazioni. Più avanti si vedono meno palloni e io voglio sempre stare nel vivo del gioco. Solo quando arriverò a fare una decina di gol a stagione, diventerò un giocatore completo. Ho sempre visto prima il compagno e poi la porta. Devo imparare a fare il contrario".

I NUOVI - "Giocare con Vidic è un onore e un piacere. Grazie alla lingua ci siamo capiti in fretta. Quello che vale lo ha confermato anche contro la Roma. M'Vila è ancora un po' indietro di preparazione, ma in quella posizione aiuterà molto la squadra a crescere. Dodò tecnicamente è fortissimo, con il sinistro fa quello che vuole, crossa benissimo e con i nostri colpitori di testa può diventare un'arma devastante. Mi sono sorpreso molto quando la Roma lo ha lasciato andare via. Osvaldo sarà fondamentale anche per darci delle alternative in attacco".

JUVENTUS - "Anche se Allegri è bravo, senza il loro vecchio allenatore i bianconeri hanno qualcosa in meno. E se se ne andrà anche Vidal, avranno molto in meno. Arturo è un top, ci sono pochi centrocampisti capaci di segnare 10/15 gol e di dare dieci assist ogni stagione. Corre, aiuta la squadra: è un giocatore totale".

OBIETTIVI - "So che i tifosi si aspettano tanto da noi, ma ora dobbiamo lavorare, non fare proclami. La concorrenza di certo si è rafforzata. Juve e Napoli hanno preso ottimi giocatori, la Roma pure e non è certo quella vista sabato contro di noi. A fine stagione sarò soddisfatto solo se l'Inter sarà arrivata in Champions League. Ma tra il terzo posto e vincere l’Europa League forse è meglio alzare una Coppa".




Commenta con Facebook