• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, Pjanic: "Rinnovo? Per il progetto. Mi offrivano di più da altre parti"

Calciomercato Roma, Pjanic: "Rinnovo? Per il progetto. Mi offrivano di più da altre parti"

Il centrocampista bosniaco torna sulla sua scelta di restare in giallorosso


Miralem Pjanic (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

04/08/2014 07:11

CALCIOMERCATO ROMA PJANIC / ROMA - Avrebbe potuto stravolgere il progetto ed il calciomercato Roma. Invece Miralem Pjanic è rimasto nella Capitale e, in una lunga intervista concessa ai microfoni del 'Corriere dello Sport', lancia i giallorossi per lo scudetto: "Ce la metteremo tutta. Contro l'Inter abbiamo sofferto, ma c'è tempo per aggiustare le cose e raggiungere il cento per cento. Questa la Roma più forte da quando sono qui? Credo di sì".

RINNOVO - "Ho deciso di rinnovare perché credo nel progetto della Roma, in questa squadra, in questo allenatore. E' stato facile. Sono sempre stato molto bene. Tre anni fa, quando arrivai, è successo tutto molto velocemente. Era la fine della sessione di calciomercato, avevo già cominciato la stagione a Lione. Luis Enrique mi voleva e la società mi fece sentire importante. Ho ascoltato il cuore, proprio come ho fatto quando ho firmato il rinnovo. Non ho mai pensato di andarmene. La trattativa è stata lunga solo perché iniziata durante il campionato".

PRETENDENTI - "I soldi non c'entrano nel mio rinnovo. Avrei potuto guadagnare di più altrove. Anche quest'estate. Ma io voglio giocare dove sono felice e a Roma amo tutto. E questa società è perfetta per la mia crescita. Qui potrò vincere e festeggiare con i tifosi: questo è il massimo per un giocatore, non i soldi. C'erano club importanti. Molto importanti. Ma non faccio nomi, non sarebbe corretto per chi mi ha cercato".

BENATIA - "Non so quali siano i suoi problemi tra lui e la società, ma so che la sua intenzione è sempre stata uguale alla mia: rimanere. Non c'è ragione per non continuare insieme".

MONDIALI - "Ci aspettavamo di più. Speravamo di passare almeno il primo turno. Per noi era la prima volta. Contro l'Argentina, invece di giocare il nostro calcio ci siamo messi lì a cercare di evitare la figuraccia".

ZEMAN - "Aveva una certa idea di calcio che non sta a me giudicare. Non so se sia un grande allenatore o meno, lo dicano gli altri: ci sono le classifiche... Il feeling non è scattato con tanti di noi. Lavoravamo tanto, ma senza piacere. Con Garcia è diverso: la sua umanità è importante".

 




Commenta con Facebook