• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Cagliari > Cagliari, Zeman: "Calciomercato sempre aperto? Chi lo dice non capisce nulla!"

Cagliari, Zeman: "Calciomercato sempre aperto? Chi lo dice non capisce nulla!"

L'allenatore boemo attacca il presidente del Napoli e parla dell'ipotesi Nazionale


Zdenek Zeman (Calciomercato.it)

28/07/2014 08:38

CALCIOMERCATO CAGLIARI INTERVISTA ZEMAN DE LAURENTIIS PANCHINA ITALIA / CAGLIARI - L'allenatore del Cagliari Zdenek Zeman ha rilasciato un'intervista pubblicata oggi sulle colonne de 'La Gazzetta dello Sport'. Tra i tanti temi affrontati spicca il calciomercato e le recenti parole di De Laurentiis, la 'bufera' Tavecchio e la panchina dell'Italia. Ecco alcuni passaggi chiave:

PANCHINA ITALIA - "Io mi vedo bene e sto bene solo in mezzo al campo, ad allenare. Per questo ho sempre rifiutato di fare il ct di una nazionale. Ancor meno mi vedrei dietro una scrivania, con mansioni da supervisore. Per la panchina azzurra vedrei bene Mancini. Sarebbe la persona giusta al posto giu­sto".

BUFERA TAVECCHIO - "La sua è stata un’uscita inopportuna che non può non essere censurata. Tolta la forma, però, nella sostanza ha ragione. Uno dei grandi mali del calcio italiano è la presenza di troppi stranie­ri. Bisogna tornare a puntare sui nostri ragazzi".

CALCIOMERCATO SEMPRE APERTO - "Chi dice una cosa del genere (De Laurentiis, n.d.r.) non capisce nulla di calcio. Per me il mercato dovrebbe chiudersi prima che le squadre partano per i ritiri. A Cagliari stiamo lavorando bene. L’obiettivo è esse­re pronti per la prima giornata. Purtroppo il mercato aperto condiziona il nostro lavoro".

CESSIONE ASTORI - "Era giusto che cercasse altrove le moti­vazioni che al Cagliari non aveva più. Tratte­nere un giocatore contro la sua volontà è sempre controproducente".

S.D.
 




Commenta con Facebook