• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO – Juventus, Romulo: qualità e quantità al servizio di Allegri

TATTICA DEL MERCATO – Juventus, Romulo: qualità e quantità al servizio di Allegri

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sul centrocampista del Verona


Romulo ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

25/07/2014 14:30

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO JUVENTUS VERONA ALLEGRI MAROTTA ROMULO / ROMA- Il calciomercato sta entrando nella fase decisiva. In Serie A le regine dell'estate sono senza dubbio la Juventus e la Roma, con i giallorossi che sono particolarmente attivi per provare a ridurre il gap con i bianconeri. La 'Vecchia Signora' ha assorbito lo shock dell'addio di Antonio Conte ed ora, con Massimiliano Allegri al timone, sta lavorando duramente per difendere il titolo di campione d'Italia.

Il tecnico toscano ha dato precise indicazioni agli uomini mercato Giuseppe Marotta e Fabio Paratici per rivoluzionare la squadra, chiedendo rinforzi mirati. Sono arrivati Evra e Morata, Pereyra sarà ufficiale a breve ma il calciomercato Juventus non si ferma certo qui. Un nome molto caldo in questi giorni è quello dell'italo-brasiliano Romulo, centrocampista del Verona ed oggetto del desiderio della società bianconera che lo sta trattando in queste ore.

BIOGRAFIA – Romulo Souza Orestes Caldeira nasce a Pelotas, in Brasile, il 22 maggio 1987. Ad inizio carriera fa la spola nelle serie minori carioca, vestendo le maglie del Caxias, della Juventude, del Metropolitano e del Chapecoense. Nel 2009 viene ingaggiato dal Santo André, squadra con cui riesce a debuttare nella massima serie verdeoro. Viene subito notato per la sua bravura e per la grande duttilità tattica che convince il Cruzeiro ad investire su di lui. Il club di Belo Horizonte però lo manda subito in prestito all'Atletico Paranaense, squadra con cui Romulo non riesce a brillare. Nel 2011 arriva la grande chiamata dall'Europa, con la Fiorentina che lo ingaggia a titolo definitivo. L'annata sfortunata della squadra viola (che cambia tre allenatori: Mihajlovic, Rossi e Guerini) si riflette nell'andamento del giocatore che non trova lo spazio per affermarsi. Durante la stagione 2012/2013 però diventa una piacevole sorpresa per Vincenzo Montella, che vede in lui uno dei primi rincalzi dell'undici titolare. Nell'estate del 2013 si trasferisce al Verona in comproprietà. Nella città veneta gioca una stagione incredibile con 32 presenze, 6 gol e 8 assist che convincono la società scaligera a investire su di lui, acquistandone il cartellino a titolo definitivo.

Le grandi prestazioni con la maglia del Verona gli valgono anche la chiamata da parte della Nazionale italiana. Romulo infatti è in possesso del doppio passaporto grazie ad origini venete. Cesare Prandelli lo inserisce nei preconvocati per il Mondiale del 2014 salvo poi escluderlo dai 23 definitivi per problemi fisici. Non ha ancora esordito con la maglia 'azzurra'.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE – Alto 1,78 per 72 kg, fisico normolineo ed atletico, destro naturale. Romulo è sicuramente uno dei centrocampisti più affidabili che la Serie A possa offrire. La sua principale peculiarità è la grande disciplina e l'intelligenza tattica, che gli permette di ricoprire più ruoli e di essere un vero e proprio jolly di qualità.

Nasce come centrocampista e può ricoprire sia il ruolo di mezz'ala destra in una mediana a tre che di tornante (sempre di destra) in una linea a cinque. Può anche giostrare come esterno di un centrocampo a quattro. Nella sua annata a Verona (ma anche sotto la gestione di Vincenzo Montella alla Fiorentina) lo si è potuto apprezzare anche come terzino in una difesa a quattro o addirittura come esterno destro d'attacco in un 4-3-3. Stiamo parlando, insomma, di un autentico jolly. Romulo abbina questa grande duttilità tattica a una buona tecnica individuale e a notevoli capacità di corsa, che gli permette di coprire la fascia laterale per intero nell'arco dei novanta minuti. Abile anche nel fraseggio con i compagni di squadra, nella scorsa stagione si è specializzato soprattutto negli assist, arrivando a confezionarne addirittura 8.

E' UN GIOCATORE ADATTO ALLA JUVENTUS? - Romulo è un giocatore esploso relativamente tardi. Ha cominciato a mostrare il proprio valore a 25 anni, nella seconda annata alla Fiorentina mentre la consacrazione è arrivata l'anno successivo. Si tratta dunque di un giocatore maturo ma che può ancora avere margini di miglioramento (soprattutto a livello internazionale) e le cui caratteristiche farebbero impazzire qualsiasi allenatore. La sua grande disciplina e la grande duttilità che lo contraddistingue lo porterebbero ad essere un jolly prezioso per Massimiliano Allegri che sta lavorando alla nuova Juventus pensando a due moduli principali: il 4-3-1-2 ed il 4-3-2-1, con il brasiliano che potrebbe giostrare come mezz'ala oppure, all'occorrenza, anche come terzino. Il tecnico toscano ha però dichiarato, nella conferenza stampa di presentazione, di non voler stravolgere totalmente il lavoro fatto da Antonio Conte. Ecco perchè il 3-5-2 non sarà abbandonato ed un profilo come quello di Romulo potrebbe essere molto utile per cambiare abito tattico in corsa.


 




Commenta con Facebook