• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Cassano: "Qualcuno si è divertito a buttare fango su di me. Ringrazio Prandelli"

Italia, Cassano: "Qualcuno si è divertito a buttare fango su di me. Ringrazio Prandelli"

Il calciatore del Parma ha parlato in conferenza stampa


Cassano (Getty Images)
Alessio Lento (@lentuzzo)

25/07/2014 13:05

ITALIA CASSANO BALOTELLI BUFFON MONDIALE PRANDELLI / PARMA - Prima conferenza stampa stagionale per Antonio Cassano. Il calciatore del Parma ha parlato anche della sfortunata esperienza Mondiale con l'Italia e delle voci circolate che lo volevano lontano dal gruppo insieme a Balotelli: "Io facevo gruppo con tutti, in particolar modo con Buffon, dalla mattina alla sera. Anzi, la notte a volte mi veniva a bussare per ridere e scherzare insieme, questa è la verità. Però qualcuno si è divertito a buttare fango su di me o su Gigi. Sarà stato qualche 'sfigato' a farlo".

"Prandelli? Posso solo ringraziarlo, cosi come dovrebbe farlo tutta Italia visto che in quattro anni ha fatto qualcosa di eccezionale. Anche qui qualcuno si è divertito a massacrarlo, a sfondarlo. Con me si è comportato benissimo e io con lui. Abbiamo fatto male e la colpa è di tutti. Però qualcuno ha esagerato con le critiche. Questa è l'Italia, dobbiamo trovare sempre il colpevole".

"Bicchiere rotto? Si sono inventati una cavolata incredibile. Uno di quelli con cui ero più a stretto rapporto era Gigi (Buffon, ndr). E quando sono arrivato in Nazionale a Coverciano, dissi a Buffon, per rispetto dei miei compagni che non li volevo deludere. Si sono inventati tante di quelle cose, di quello che è uscito non c'è niente di vero. Hanno tentato di farmi passare come capro espiatorio ma non ci sono riusciti".




Commenta con Facebook