• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sugoni > L'Editoriale di Sugoni - Maxi Lopez, Berardi, Zeman: nel mercato della salvezza contano le idee

L'Editoriale di Sugoni - Maxi Lopez, Berardi, Zeman: nel mercato della salvezza contano le idee

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di SkySport24


Alessandro Sugoni
Alessandro Sugoni

24/07/2014 10:09

EDITORIALE SUGONI CALCIOMERCATO SALVEZZA / MILANO - La lotta salvezza è una lotta di sopravvivenza anche sul calciomercato. Perché chi è in fondo, ha meno soldi di chi è sopra e allora se non ci arrivano i soldi, ai giocatori bisogna arrivare con la fantasia. Di fantasia ne ha il neopromosso Palermo. Bryan Ruiz è stata l’idea affascinante per l’attacco. Grande esperienza e un bel mondiale per lui. Roba da far dimenticare le difficili stagioni inglesi. Bianchi l'occasione che si potrà cogliere se non andrà all'estero. In attesa dell’attaccante, intanto sono arrivati Checov e Quaison, due centrocampisti praticamente sconosciuti al grande calcio, ma ancora giovani. Il tempo dirà che tipo di colpi sono.

L’Empoli finora non si è praticamente mosso. Aguirre, giovane di belle speranze, è chiaramente un giocatore tutto da scoprire (e che si deve ancora fare). Il resto è una storia ancora tutta da scrivere. Ha fatto qualcosa in più (ma non tantissimo) il Cesena. Giorgi, Marilungo, Agliardi, Ze Eduardo, Lucchini possono essere una base di partenza, ma da soli non possono bastare. Manca un attaccante, non certo gli obiettivi. E l'esperienza di Rino Foschi però è una garanzia, e più si andrà avanti, più sarà facile trovare qualche occasione o qualche prestito dalle grandi squadre.

Il suo stratega invece lo ha perso il Chievo. L’addio di Sartori è un colpo durissimo. Ma il mercato per gran parte è già stato fatto. Birsa, Meggiorini, Maxi Lopez, Bardi e Biraghi, Gamberini e il capolavoro di aver tenuto Paloschi, insidiato dalle lusinghe di Filippo Inzaghi. Insomma potenzialmente cinque nuovi titolari. Così la partenza di Thereau è stata ammortizzata alla grande e la salvezza sembra più che possibile. Anzi, con Corini sono autorizzate anche speranze da centroclassifica.

Il Sassuolo il mercato lo ha reso fenomenale mantenendo quelli che aveva e che tanto bene avevano fatto l’anno scorso. Riuscire a mantenere Berardi e aver riscattato tutto Zaza (nonostante il primo la Juve avesse pensato di portarlo a Torino, mentre il secondo fosse conteso da squadre di mezza Serie A) è stato un piccolo capolavoro al quadrato. Peluso può far comodo sulla fascia sinistra, mentre Marrone non sarà rimpianto granché, viste le poche occasioni avute l’anno scorso, anche a causa di un infortunio. Con Di Francesco alla guida e un anno di esperienza nella massima serie, il Sassuolo quest’anno può faticare molto meno per raggiungere la salvezza.

L’incognita – come un po' tutte le squadre di Zeman – rimane il Cagliari del nuovo corso Giulini. Tanti giovani, tanto entusiasmo. Colombi , Benedetti, Crisetig, Longo, sono elementi che con l’allenatore boemo possono finalmente esplodere in maniera definitiva. Balzano uno che Zeman aveva già valorizzato al meglio al Pescara. In attacco arriverà qualcun altro (Pavoletti?). In difesa via Astori, dentro Camporese. Come sempre decisivo sarà l’impatto con il campionato. Se comincerà bene, il Cagliari dei giovani saprà stupire. Altrimenti dovrà fare i conti con l’inesperienza. Insomma, la scommessa di Giulini è sicuramente accattivante e rischiosa. E come sempre dividerà e farà schierare anche chi non è tifoso del Cagliari. Di cui si parlerà tantissimo. E questo – a ben vedere – è già un risultato.




Commenta con Facebook