• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Cole: "Avevo altre offerte. Voglio vincere qui"

Roma, Cole: "Avevo altre offerte. Voglio vincere qui"

Il difensore inglese ha rilasciato la sua prima intervista da giallorosso


Ashley Cole (calciomercato.it)

21/07/2014 15:20

CALCIOMERCATO ROMA INTERVISTA ASHLEY COLE / ROMA - Ashley Cole, nuovo arrivato in casa Roma sulla corsia sinistra, ha rilasciato un'intervista a 'Roma Channel'. Di seguito ve ne riportiamo alcuni estratti:

LA SCELTA - "Ho deciso di venire qui per le ambizioni che ha la squadra. Ho parlato con il mister e mi ha manifestato l'ambizione e la voglia di vincere. Io voglio contribuire alla conquista dello scudetto. Ho avuto offerte da squadre minori, anche dagli Usa, ma non avevo voglia di sdraiarmi in una spiaggia. Sono venuto qui per vincere, ho vinto molto in carriera e non voglio fermarmi, Non vincere sarebbe una delusione".

IL CALORE DEI TIFOSI - "L'ho percepito subito. Mi era stato detto della loro passione per la squadra e per il calcio, non vedo l'ora di provarla e di viverla",

LA CARRIERA - "Nel calcio ho dovuto sempre lottare per un posto, è quello che amo e ho sempre avuto questa mentalità vincente. Ho avuto la fortuna di vincere molti trofei, odio perdere. Ho avuto tre delusioni sportive: la prima finale di Champions League persa con l'Arsenal contro il Barcellona a 22-23 anni. Ho avuto la fortuna di giocarne un'altra con il Chelsea, contro il Manchester United, persa ai calci di rigore; a volte mi sveglio ancora e ripenso a quella partita. Un'altra delusione è stata la parita giocata con l'Inghilterra contro l'Italia, un mio errore dal dischetto ci è costata l’eliminazione dall'Europeo".

Totti? - "L’ho affrontato diverse volte, la prima avevo 19-20 anni, era straordinario. È una specie di divinità, è un idolo. Lui e la Roma si identificano a vicenda".

S.D.

 

 




Commenta con Facebook