• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > L'Editoriale di Marchetti - Roma-Juve è già iniziata: ma chi è più forte?

L'Editoriale di Marchetti - Roma-Juve è già iniziata: ma chi è più forte?

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di mercato di Sky Sport 24


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

18/07/2014 10:41

EDITORIALE MARCHETTI SKY CALCIOMERCATO ROMA JUVENTUS / MILANO - Ora la domanda che si fanno tutti è: la Roma è più forte della Juve? Rispondere adesso, sgombriamo il campo da qualsiasi equivoco, è impossibile. Letteralmente. Innanzi tutto perché il mercato è ancora lungo, e poi perché Allegri ha appena iniziato a lavorare: non sappiamo neanche che sistema di gioco adotterà.

Ma proprio l'allenatore e il calciomercato hanno dato uno slancio nuovo ai giallorossi. La vicenda Conte ha sparigliato le carte. Le certezze granitiche dei bianconeri poggiavano per buona parte proprio sulla figura dell'allenatore leccese. Era la terza colonna portante del rinnovamento Juve. E' normale che però ci sia un assestamento. Cambiano i modi di lavorare, cambia magari il modulo. La Roma invece ha la certezza di Garcia. Uno che alla sua prima stagione in Italia ha meravigliato tutti, giocatori in testa. E' subito riuscito ad entrare in sintonia con il suo ambiente e ha ridato un anima alla Roma, nonostante la Juventus abbia fatto il record di punti. Poteva alzare prima la bandiera bianca, ha lottato invece fino alla fine.

Ora in quella macchina quasi perfetta è stato inserito un elemento in più. E non uno qualsiasi. Non lo sarebbe stato a prescindere perché Iturbe è un giocatore con delle grandissime potenzialità. Predestinato già dai suoi primi approcci in Paraguay e Argentina (il soprannome di 'Messi di qualcosa' lo danno facilmente, vero, ma generalmente non ai bidoni) devastante in un 4-3-3. Ma soprattutto perché è stato soffiato proprio alla concorrenza. Lo scatto decisivo del calciomercato Roma è stato fatto 10 giorni fa. Di mercoledì. Offerta pronta. La più alta di tutti: quella che poi ha permesso di aggiudicarsi il giocatore. E il Verona che stava ragionando con la Juventus (che voleva inserire delle contropartite nell'affare) e con l'Atletico ha accettato.

Non prima di parlare con gli uomini del mercato Juve di nuovo, che però non ha ritenuto opportuno modificare la propria strategia. Così l'asse Verona-Roma si è rinsaldato fino ad arrivare all'accordo di questi giorni, mentre il giocatore e il suo entourage (dopo aver dato la priorità alla Juventus per un mese) hanno cominciato a riparlare con la Roma. Di sicuro la bagarre Conte ha aiutato a rendere ancora più complicata la situazione, ma la Roma sul giocatore c'era eccome. Anche da prima.

Aver preso Iturbe, così, crea entusiasmo nell'ambiente giallorosso. Forse questo potrebbe essere il grande pericolo. Perché bisogna saperlo gestire. La Roma nel mercato sta cercando di colmare il gap. Non è finita qui, né dall'una né dall'altra parte. Evra e Morata in arrivo, Pereyra, un trequartista o una punta almeno in più per Allegri. Qualche spostamento (in attacco soprattutto se dovesse andar via Ljajic) per Garcia. La Juve parte davanti, la Roma ha un ottimo slancio. Voi sapreste dire già adesso chi è più forte?




Commenta con Facebook