• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, dal modulo al calciomercato: la nuova Era Allegri

Juventus, dal modulo al calciomercato: la nuova Era Allegri

L'ex tecnico del Milan è ad un passo dalla panchina bianconera


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

16/07/2014 11:08

JUVENTUS CONTE ALLEGRI MODULO CALCIOMERCATO / TORINO - E ora, che succede in casa Juventus? Con un video, nella serata di ieri, il tecnico Antonio Conte ha annunciato la separazione consensuale dal club bianconero mettendo la parola fine ad un'era trionfale. Se ne vanno le certezze acquisite con un allenatore che ha portato la 'Vecchia Signora' a conquistare tre scudetti di fila e due supercoppe italiane e, soprattutto, una precisa identità di gioco che, definito il suo successore, sarà necessariamente rivista e modificata.

Il successore, appunto. I primi nomi circolati subito dopo la decisione shock del mister pugliese sono stati quelli di Sinisa Mihajlovic, Luciano Spalletti, Roberto Mancini e Massimiliano Allegri. Complicata la pista che porta all'attuale tecnico della Sampdoria, così come non scalda l'ipotesi dell'ex Zenit. Ecco che dunque, in volata, la spunta proprio Allegri che nella notte avrebbe già raggiunto l'accordo con la dirigenza juventina sulla base di un biennale da 3 milioni di euro. Questione di dettagli e poi sarà ufficialmente lui l'erede di Antonio Conte.

Si riparte da Allegri, dunque, che darà una sterzata al calciomercato Juventus e porterà una nuova difesa a quattro. In questo senso, quindi, dovrebbe definitivamente sbloccarsi l'affare Evra, con il francese che aveva preso tempo in attesa di conoscere il nuovo allenatore. Ma servono rinforzi anche dall'altra parte, sulla corsia destra dove potrebbe prendere piede l'ipotesi Ignazio Abate, pupillo del tecnico livornese ed in scadenza di contratto con il Milan a giugno 2015. Davanti, facile ipotizzare la nuova via con tre centrocampisti (senza Vidal?) e tre attaccanti, già testata dall'ex tecnico rossonero nell'ultimo periodo sulla panchina del 'Diavolo'. Resta però da superare il 'trauma Pirlo' dopo gli screzi che hanno preceduto la separazione e che, a tre anni di distanza, sembrano comunque più facilmente ricucibili e, soprattutto, servono rinforzo in attacco. 

Salutato, o quasi, Juan Iturbe, sempre più ad un passo dalla Roma, il Dg Beppe Marotta torna a valutare la lista dei piani alternativi all'argentino del Verona: Cuadrado rimane il sogno, ma la Fiorentina non abbassa le pretese, Cerci la pista più percorribile. Morata, poi, è in standby per il momento, mentre non è da escludere la clamorosa ipotesi Mario Balotelli: l'attaccante della Nazionale ha messo a segno il maggior numero di gol in campionato proprio sotto la guida di Allegri ed il suo agente, Mino Raiola, lo aveva già proposto alla Juventus in tempi non sospetti...




Commenta con Facebook