• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Atalanta > Calciomercato Atalanta, Colantuono: "Per Bonaventura niente di concreto. Il mio futuro è qui"

Calciomercato Atalanta, Colantuono: "Per Bonaventura niente di concreto. Il mio futuro è qui"

Il tecnico nerazzurro si sofferma anche sul futuro di Cigarini


Stefano Colantuono ©Getty Images

14/07/2014 14:30

CALCIOMERCATO ATALANTA COLANTUONO BONAVENTURA / BERGAMO - L'Atalanta è pronta a cedere Bonaventura e Cigarini, ma al momento offerte vere e proprio non ne sono arrivate. A farlo capire è il tecnico nerazzurro Stefano Colantuono in un'intervista a 'Sky': "Il nostro obiettivo è sempre lo stesso: ottenere la salvezza il prima possibile, poi magari di migliorare il piazzamento dello scorso anno. Bonaventura?  Ha richieste, ci saranno delle trattative e vedremo cosa succederà: se dovesse arrivare una richiesta importante è giusto che la prenda in considerazione. Al momento non c'è nulla di concreto e se non dovesse accadere nulla di importante, Giacomo sa di poter contare già su una società importante. Abbiamo acquistato giovani interessanti come D'Alessandro e Molina, poi c'è Estigarribia in stand-by. Cigarini? Lo abbiamo riscattato e ci crediamo molto. Sappiamo che ci sono delle sirene, però si devono incastrare un po' di cose. Biava e Boakye? Sono due giocatori che potrebbero fare al caso nostro". 

FUTURO A BERGAMO - Finito il capitolo mercato, Colantuono parla anche del suo futuro: "L'Atalanta oggi è subito dietro le grandi del nostro campionato. E' all'avanguardia e sono contento di far parte di questo progetto: credo il mio futuro è qui, sempre che la società non cambi idea". 

FIGC E NAZIONALE - Infine, il tecnico dell'Atalanta affronta il capitolo elezione presidente Figc e nuovo ct dell'Italia: "Per la federazione  ci saranno delle votazioni e chi sarà eletto dovrà cambiare qualcosa: non credo a un discorso anagrafico, contano le idee. Per il Ct tutti i nomi fatti sono importanti e di spessore: se il prossimo tecnico verrà fuori da quella rosa sarà comunque una scelta giusta". 

B.D.S.




Commenta con Facebook