• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > Mondiali, da Pelé a Di Maria: tutti gli infortunati illustri della finale

Mondiali, da Pelé a Di Maria: tutti gli infortunati illustri della finale

Quando la sfortuna colpisce proprio nella gara della vita è un dramma sportivo. Ma l'argentino tenterà il tutto per tutto per esserci


Angel Di Maria (Getty Images)
Jonathan Terreni

13/07/2014 18:35

MONDIALI 2014 INFORTUNATI FINALE / ROMA - Per un calciatore la finale di un Mondiale è sicuramente la partita più importante della vita, quell'occasione da non mancare e da non fallire non solo perchè bisognerà attendere poi altri quattro anni ma anche perchè, nel bene o nel male, sarà un segno che ti porterai dietro per tutta la carriera. Ma prima di tutto bisogna esserci e questo non è un dettaglio. I campionati del mondo arrivano per molti a fine stagione e dopo un mese di partite al massimo la tegola dell'infortunio, purtroppo, sempre è dietro l'angolo. Ricordiamo tutti gli infortunati illustri che hanno dovuto arrendersi all'idea di giocare la finalissima di un Mondiale:

PELE', BRASILE 1962 - Nel Mondiale cileno del 1962 'O Rei' si arrese nel secondo match del torneo contro la Cecoslovaccia per una lesione muscolare ma il Brasile riuscì comunque a conquistare la Coppa con uno straordinario Garrincha.

PUMPIDO, ARGENTINA 1990 - Nery Pumpido, portiere protagonista del successo nel mondiale del 1986 dovette dire addio alla competizione italiana dopo la sfida contro l'Urss a causa della frattura di tibia e perone in uno scontro di gioco. Nel corso del torneo il sostituto Goycochea si rivelò comunque decisivo. Anche Caniggia non giocò la finale contro la Germania ma a causa della squalifica.

NESTA, ITALIA 2006 - Il neo del Mondiale 2006 fu l'assenza tra gli azzurri di Alessandro Nesta, costretto ad alzare bandiera bianca durante il match contro la Repubblica Ceca per il problema agli adduttori. Materazzi però non fece sentire la sua mancanza ed anzi, si rivelò uno degli elementi più determinanti per la conquista di Berlino.

DI MARIA, ARGENTINA 2014? - Nelle ultime ore prima del fischio d'inizio di Germania-Argentina, la 'Seleccion' è con il fiato sospeso per Angel Di Maria, il calciatore con più talento assieme a Messi. L'esterno del Real Madrid ha riportato uno stiramento muscolare contro la Nigeria ma potrebbe essere recuperato in extremis grazie alle cure di ultima generazione. Sarà però al top della forma?

 




Commenta con Facebook