• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Genoa > Guangzhou, Gilardino: "Via dal Genoa per colpa di Gasperini. Prandelli? Sono deluso"

Guangzhou, Gilardino: "Via dal Genoa per colpa di Gasperini. Prandelli? Sono deluso"

L'attaccante di Biella ha appena lasciato i cinesi per volare in Cina


Alberto Gilardino (Getty Images)

12/07/2014 09:06

GUANGZHOU GILARDINO GASPERINI NAZIONALE PRANDELLI / GENOVA - Valigie pronte, è tempo di partire. Destinazione Cina. Alberto Gilardino è pronto per la sua nuova avventura, una nuova vita nel Guangzhou di Marcello Lippi ed in un'intervista rilasciata a 'La Gazzetta dello Sport' si toglie qualche sassolino prima di salutare, non per sempre, l'Italia: "Sarà una grande occasione di crescita personale e culturale per tutta la mia famiglia. Mia moglie era scettica, ma l'ho convinta". 

GUANGZHOU - "E' una squadra organizzata come Milan, Inter e Juve. Un top club per organizzazione, lo si capisce anche dai dettagli con cui hanno portato avanti la trattativa. Hanno vinto la Champions asiatica e vogliono continuare a vincere, con me. Diamanti mi ha convinto. Vestirò la maglia 38, perché la somma dei due numeri fa 11".

SERIE A - "Lascio con dispiacere. Gasperini ha spinto per la mia cessione. Qui gli attaccanti sopra i trent'anni sono considerati vecchi. Ma guardate Klose... Tra due anni e mezzo tornerò per il traguardo dei 200 gol. Se ho lasciato il Genoa è anche per il bene economico del club".

NAZIONALE - "Avevo rinunciato al Toronto a gennaio per giocarmi un posto in Nazionale. Non ho cambiato idea su Prandelli, che mi ha lanciato a Parma, ma la delusione umana è stata profonda. Una chiamata la meritava. Non c'erano attaccanti d'area come me, Toni, Di Natale, Destro e Rossi. Anche dai ragazzi ho ricevuto un solo sms, il calcio è così: ci sono pochi amici".

L.P.
 




Commenta con Facebook