• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile > Brasile, le confessioni di Neymar: "Non posso spiegarmi quello che è successo"

Brasile, le confessioni di Neymar: "Non posso spiegarmi quello che è successo"

Il brasiliano è tornato a parlare dopo l'infortunio


Neymar e Vidal (Getty Images)
Mattia Boscaro

10/07/2014 23:26

BRASILE CONFERENZA NEYMAR / TERESOPOLIS (Brasile) - Una lunga conferenza stampa, quasi una lunga confessione: Neymar è tornato a parlare dopo la clamorosa eliminazione del suo Brasile, arrivata senza la sua presenza in campo: "Contro la Germania e' avvenuto qualcosa di incredibile e inatteso. Non riesco a spiegarmelo, non posso spiegarmelo. E' stato un blackout che ha colpito la nostra squadra, che ha finito per prendere gol e non e' riuscita a riprendersi. Per me e' stata una delle peggiori settimane della mia vita".

L'attaccante del Barcellona era arrivato a questo Mondiale 2014 con il peso di 200 milioni di brasiliani sulle spalle e nonostante i suoi 22 anni aveva dimostrato una maturità che forse in pochi si aspettavano. Buone prestazioni, gol fondamentali ed un apporto emotivo in grado di far innamorare un paese intero. 

Alla prima difficoltà però la squadra si è squagliata: l'infortunio del numero 10 e la squalifica di Thiago Silva hanno fatto crollare un castello costruito su fondamenta troppo fragili, con una qualità individuale bassa e troppe falle nella struttura tattica di Scolari: "Anche a me e' capitato di vivere un blackout in campo, non riesce ad azzeccare un passaggio, a fare nulla. Non siamo riusciti a mettere in campo il nostro calcio migliore. Abbiamo dimostrato un calcio regolare, per questo siamo arrivati in semifinale, ma non a livello della Seleçao, che e' superiore e incanta tutti"", ha detto Neymar, ma il problema va oltre.

Ora la nuova sfida di Neymar è forse ancora più complicata di quella vissuta in questi giorni. Il giovane attaccante dovrà guidare la nazionale verdeoro alla rinascita, con idee e giocatori nuovi, per non parlare della guida tecnica: "Faremo di tutto per restituire allegria al popolo brasiliano e alle nostre famiglie. Siamo tristi e addolorati, speriamo di tornare a sorridere prima possibile. Non e' per colpa di una sconfitta storica che la gente deve abbassare la testa. Fa parte del calcio, dello sport".

 

 

 




Commenta con Facebook