• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > ITALIANS MUNDIAL - Biglia ci prova, Palacio spreca

ITALIANS MUNDIAL - Biglia ci prova, Palacio spreca

I voti dei giocatori del nostro campionato, in campo nella massima manifestazione internazionale


Wesley Sneijder (Getty Images)
Hervé Sacchi (Twitter: @hervesacchi)

10/07/2014 12:30

ITALIANS PAGELLE VOTI GIOCATORI SERIE A AL MONDIALE OLANDA ARGENTINA / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it si sofferma oggi sulle prestazioni dei rappresentanti di Serie A in campo nella seconda semifinale del Mondiale, ovvero quella andata in scena ieri sera tra Olanda e Argentina. In campo è andato il 50% degli 'Italians': su otto rappresentanti della massima serie italiana nelle due rose, hanno giocato solo tre argentini su sette a cui si aggiunge l'unico 'orange' che milita nel Belpaese, ovvero il rossonero de Jong. Recuperato in extremis, il centrocampista del Milan ha saputo disputare un'ora di gara di buon livello, soprattutto dal punto di vista tattico. La condizione fisica non poteva essere eccezionale, ma il suo impegno merita la sufficienza.

Stesso voto anche per il napoletano Higuain, il quale si è speso molto pur non trovando chissà quali occasioni per segnare. Occasione nitida che invece è capitata sui piedi, o meglio sulla testa, di Rodrigo Palacio che, a cinque minuti dal termine dell'extratime, ha consegnato il pallone in mano al portiere olandese Cillesen. Se dobbiamo trovare un migliore per forza, ci permettiamo di regalare un mezzo punto a Lucas Biglia, il quale ha avuto un ruolo tattico di grande importanza. Ma andiamo ora a dare uno sguardo preciso alle pagelle degli 'Italians'.

NIGEL DE JONG (Olanda - Milan) voto 6 - Magari non è preciso col pallone fra i piedi, ma come ha affermato van Gaal era un miracolo vederlo in campo in semifinale. E miracolo è stato. Maglia da titolare per il centrocampista rossonero che si dedica con molta cura a seguire Lionel Messi e chiunque altro gli capiti a tiro. Ombra costante, a tallonare la Pulce e chiunque gli capiti a tiro con la maglia albiceleste, si spende per la causa olandese per circa un'ora, quando poi, in riserva, è costretto a lasciare il posto a Clasie. La sufficienza c'è tutta. Purtroppo non potrà giocare la finale, ma visto quanto fatto dalla Germania due giorni fa, sarebbe stato potenzialmente più brutto perdere due finali mondiali di fila...

MARIANO ANDUJAR (Argentina - Catania) - In panchina.

HUGO CAMPAGNARO (Argentina - Inter) - In panchina.

FEDERICO FERNANDEZ (Argentina - Napoli) - In panchina.

LUCAS BIGLIA (Argentina - Lazio): voto 6,5 - Pian piano è cresciuto anche lui in questo Mondiale. E' passato dall'essere il giocatore che spezza il ritmo partita al novantesimo minuto a un rinforzo efficiente che, quando chiamato in causa, non ha mai fatto male. Anche nella serata di ieri, non forza la giocata con traiettorie leggendarie ma fa il suo, cercando di far leva sulla sua intelligenza tattica per far girare il pallone. In una partita dove gli spazi sono sempre stati rigorosamente chiusi, da ambo le parti, il lavoro suo e del compagno di zona Mascherano accresce di valore.

RICARDO ALVAREZ (Argentina - Inter) - In panchina.

RODRIGO PALACIO (Argentina - Inter): voto 5,5 - Entra a dieci minuti dalla fine del tempo regolamentare, quasi fosse una regola fissa. Solitamente il suo gioco dà una botta d'aria fresca, ma la cortina di ferro che l'Olanda contribuisce a erigere non gli permette di affondare il colpo come avrebbe voluto. In realtà, un'occasione ce l'ha: al minuto 115', quando ancora la lotteria dei rigori si poteva evitare, decide di andare a colpire di testa un pallone a cui non dà la giusta potenza. Se avesse aspettato la sfera sui piedi non avrebbe sbagliato. Questione di scelte, non gliene si può fare una colpa. Ma è chiaro che il suo, personalissimo Mondiale sarebbe potuto cambiare in quella singola occasione.  

GONZALO HIGUAIN (Argentina - Napoli): voto 6 - Un suo tiro dà l'impressione del gol. Praticamente un miraggio in una gara che per lunghi tratti risulta davvero troppo statica, senza spunti e senza spettacolo. La sufficienza è quasi di stima, perché gli si riconosce il merito di averci messo tutto l'impegno del mondo, ma ciò non è stato ripagato a suon di gol proprio per mancanza di palle giocabili. Non è colpa sua, evidentemente. La consolazione è che potrà rifarsi nella finale Mondiale, dove c'è pronta una nuova maglia da titolare, da portare con onore.

NELLA PROSSIMA EDIZIONE - Il nostro speciale scala a domenica, quando avremo sotto mano l'esito della finalina tra Brasile e Olanda. Sarà un appuntamento certamente scarno, considerando che tra le fila verdeoro ci sono solo tre 'Italians' ovvero il romanista Maicon, il nerazzurro Hernanes e il napoletano Henrique e nemmeno tutti sono sicuri di giocare. Da capire se un titolarissimo come Nigel De Jong, dopo la gara di ieri, possa essere utilizzato in mezzo al campo o se per evitare possibili ricadute venga tenuto da parte a beneficio di Jordy Clasie, reduce da una buona parte di gara nel match contro l'Argentina.




Commenta con Facebook