• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Viaggi > Viaggi, i trend degli italiani per l’estate 2014: Puglia ma anche Londra e Parigi

Viaggi, i trend degli italiani per l’estate 2014: Puglia ma anche Londra e Parigi

I risultati delle indagini di TripAdvisor e Coldiretti sulle vacanze, attività e budget


In spiaggia (Getty Images)

09/07/2014 17:36

L’estate è sinonimo di vacanze al mare? Non sempre. TripAdvisor, il noto sito di viaggi e recensioni, ha annunciato oggi i risultati di uno studio relativo ai trend di viaggi degli italiani per l’estate 2014 basato sulle ricerche effettuate dagli italiani nel periodo febbraio-maggio su TripAdvisor.it e relative mesi estivi di  luglio e agosto. Nelle ricerche tante destinazioni marittime, ma anche alcune sorprese, come le capitali europee.

Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, la destinazione più cercata dagli abitanti del Bel Paese per questa estate non è una meta che prevede sdraio e ombrellone, ma è Londra. Sebbene ben 8 delle 10 destinazioni più ricercate siano mete marittime, al primo posto si trova proprio la capitale inglese che è accompagnata nella top 10 da Parigi (al quarto posto), unica altra destinazione in classifica non bagnata dal mare.

Guardando la top ten, se il mare la fa da padrone con otto mete su dieci, le coste pugliesi conquistano 5 di queste 8 posizioni eleggendo la regione Puglia tra le destinazioni che riscuotono più interesse per l’estate 2014.

Al primo posto tra le destinazioni balneari più cercate troviamo Gallipoli (LE) che si posiziona seconda della top 10 e alle spalle della capitale britannica, segue con la medaglia di bronzo Formentera in Spagna, unica meta marittima non italiana presente in classifica. In quinta posizione, dopo Parigi, si piazzano a San Vito Lo Capo (TP) seguito da Ugento (LE), Vieste (FG), Otranto (LE), chiude la top ten, decima, Porto Cesareo (LE).

Tra le attività più ricercate dagli italiani per la prossima estate al primo posto si collocano le attrazioni culturali con un 23% di ricerche sul totale, seguite a breve distanza dalle attività all’aria aperta 21%, dai luoghi d’interesse storico (10%) e dai musei (9%).

Ma indipendentemente dalle ricerche sul web, quando partiranno e dove andranno in vacanza gli italiani? La risposta arriva dall’ultima indagine della Coldiretti che riferisce che più di 9 milioni di italiani si concederanno almeno un giorno di vacanza fuori casa nel mese di luglio mentre altri 24 milioni partiranno ad agosto. Dall’analisi dei dati emerge che tra le destinazioni, la scelta più gettonata è il mare dove si recheranno il 71 per cento dei turisti mentre il 18 per cento ha scelto la montagna, il 6 per cento le città, il 5 per cento il lago e il 3 per cento la campagna che fa segnare un aumento rispetto allo scorso anno, anche grazie alla qualificazione e diversificazione dell’offerta agrituristica, ma anche all’ottimo rapporto tra prezzi/qualità. Infine Coldiretti segnala che quest’anno la spesa media per persona scende  a 665 euro e si accorcia la durata con il 43 per cento degli italiani in vacanza per meno di una settimana, il 33 per cento da una a due settimane, il 15 per cento da due a tre settimane e solo il 9 per cento per più di 3 settimane.

Colpa della crisi e della riduzione del potere di acquisto: secondo Coldiretti gli italiani quest'anno ridurranno il budget per le vacanze estive spendendo il 25 per cento in meno rispetto all'inizio della crisi nel 2008. La riduzione del potere di acquisto non incide però solo sui momenti di svago ma anche sulla vita quotidiana con i consumi alimentari che nel 2014 hanno toccato il fondo e sono tornati indietro di oltre 30 anni. All'inizio del 2014 sono ulteriormente crollati gli acquisti delle famiglie che hanno detto “addio” dalla pasta (-5 per cento) all'extravergine (-4 per cento), dal pesce (-7 per cento) alla verdura fresca (-4 per cento) nei primi due mesi rispetto allo stesso periodo del 2013 con un taglio medio pari al 2 per cento nella spesa.

S.C.




Commenta con Facebook