• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Vidic: "Essere qui è un passo avanti. Puntiamo a far meglio dello scorso anno"

Inter, Vidic: "Essere qui è un passo avanti. Puntiamo a far meglio dello scorso anno"

Prima conferenza stampa per il nuovo acquisto nerazzurro


Nemanja Vidic © Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

04/07/2014 15:00

INTER PRESENTAZIONE VIDIC / MILANO - È il primo, e fino a questo momento unico, grande acquisto del calciomercato Inter: nel giorno del raduno della formazione nerazzurra, il primo dell'era Erik Thohir, Nemenja Vidic si presenta alla stampa. Il difensore serbo terrà la conferenza stampa questo pomeriggio alla Pinetina dove la truppa di Mazzarri si è redunata oggi per il primo giorno di lavoro della stagione 2014/2015: Calciomercato.it seguirà per voi le dichiarazioni del calciatore. 

FASSONE  - "Benvenuto a tutti e a Nemanja. Quando a Natale abbiamo pensato a lui, eravamo eccitati dall'idea che potesse accettare il nostro progetto. Lo ha fatto con entusiasmo e la cosa migliore e lasciare la parole a lui". 

VIDIC

GRANDE CLUB - "L'Inter è un grande club, con tanta storia, che ha vinto trofei importanti: non tante società possono vantare questo palmareis. Poi c'è un nuovo progetti al quale ho aderito: sono molto contento di essere qua". 

STANKOVIC - "Ho parlato con Dejan della possibilità di venire qui, anche se non è l'unico giocatore serbo che ha giocato all'Inter. Vorrei continuare questa tradizione di giocatori serbi che hanno giocato in Italia e non solo in nerazzurro". 

PASSO INDIETRO - "Potevo già venire in Italia qualche anno fa e ora ho questa occasione. Qualcuno ritiene che è un passo indietro, ma io non la penso così: il calcio che si gioca in Italia è adatto a me. Poi c'è da considerare che arrivo in uno dei più grandi club europei, anche se adesso non sta ottenendo risultati positivi. Io lo ritengo un passo avanti nella mia carriera". 

THOHIR - "Non ho parlato direttamente con il presidente, ma Fassone mi ha illustrato i progetti del club. Ho ritenuto questa idea molto interessante e mi è stato trasmesso un certo entusiasmo. Mi è stato detto che il presdiente vuole un progetto a lungo termine, di durata biennale. L'Inter vuole mantenere una posizione di vertice e io condivido questo progetto". 

CARRIERA - "Nei miei precedenti cambi di squadra ho sempre scelto nuovi progetti. Mi è sempre piaciuta l'idea di fare parte di club che hanno una visione importante del futuro e mi sento onorato di questo. Credo che si possa fare bene". 

CAPITANO - "Mi devono ancora conquistare il posto in campo. Inizialmente posso dare il meglio di me: è vero che ho fatto nove anni allo United e ho dato sempre il meglio, indipendentemente dalla fascia. Questo non cambia nulla, non cambia il mio modo di giocare sul campo". 

OBIETTIVO - "L'idea principale è quella di migliorare, questa è la mentalità che mi è stata prospettata e che condivido. Un grande club come l'Inter ha sempre aspettative importanti a inizio stagione: vogliamo migliorare e essere orgogliosi di noi a fine stagione".

COMPAGNI E DIFESA A TRE - "L'anno scorso ho visto più partite dell'Inter e ho visto diversi miei compagni all'opera. Non ho mai giocato con la difesa a tre, ma il ruolo del difensore non cambia: sono pronto ad adattarmi". 

MILAN - "Quando mi cercava l'Inter, c'era altri club interessati ma il Milan non era tra questi".

HERNANDEZ - "Hernandez mi ha chiesto dell'Inter? No, non ne abbiamo parlato". 

NUMERO DI MAGLIA - "Spero di poter indossare ancora il numero 15 ma non ne ho ancora parlato". 

INTER ULTIMA TAPPA - "Non si sa cosa può succedere nel futuro. Ho un contratto di tre anni e ora penso solo a fare il meglio". 

DIFENSORI - "L'Inter nel passato ha avuto dei difensori importanti e ha vinto tanto, ma non credo sia merito solo della difesa. Grandi difensori ci sono stati nella storia dell'Inter: per gli attuali ho visto tanti buoni difensori anche giovani che possono ancora crescere".

CHAMPIONS - "Non giocheremo la Champions League ma dovremo affrontare l'Europa League: avremo tre competizioni e tutti noi avremo la possibilità di giocare quindi non sarà un problema".




Commenta con Facebook