• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, De Laurentiis: "Ho ricostruito club da zero. Figc? Tutti a casa!"

Napoli, De Laurentiis: "Ho ricostruito club da zero. Figc? Tutti a casa!"

Il presidente del club partenopeo indica la via per risollevare il calcio italiano


Benitez e De Laurentiis (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

03/07/2014 07:33

SERIE A INTERVISTA DE LAURENTIIS NAPOLI FIGC CIRO ESPOSITO / NAPOLI - Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è il protagonista di una lunga intervista pubblicata sull'edizione odierna del 'Corriere dello Sport'. Ecco alcunis passaggi chiave:

NAPOLI - "Ho dovuto ricostruire un club da zero, con la tensione che trasmetteva la priorità di conquistare un posto in Serie A. Una volta raggiunto quel traguardo, la nuova richiesta era quella di competere ai massimi livelli in Italia e in Europa. Ce l'abbiamo fatta".

CRISI CALCIO e FIGC - "Ciò che non mi convince è la mentalità superata e improduttiva delle istituzioni del calcio. L'anagrafe non conta, le idee sì. Chi non riesce a rimanere giovane dentro è perdente. Oggi abbiamo la possibilità di cambiare sul serio. Bisognerebbe ridisegnare compiti e competenze di Federazione e Lega. L'investitura al ruolo di presidente della Figc non deve essere politica. La Federazione va commissariata: tutti a casa, altrimenti è giusto che ridano alle nostre spalle".

MONDIALE ITALIA - "Era impossibile pensare di poter andare oltre. Il calcio italiano non funziona, lo dicono i bilanci. Il settanta per cento sono fallimentari. Il calcio di Serie A va ritenuto un'industria quale è. Dovendo scegliere un allenatore al quale affidare una Nazionale da rilanciare bisogna prima riflettere su cosa è in grado di offrire il mercato italiano, la disponibilità e la qualità dei tecnici ma c'è anche un problema di compensi".

SERIE A - "Il campionato torni a 16 squadre. L'amico Lotito si accontenta di vincere le partite a metà, limitandosi eventualmente a ridurre a 18 il numero delle formazioni. Se vogliamo tornare competitivi in Europa dobbiamo ridurre la quantità impressionante di partite. La Serie B e la Serie C devono rappresentare il serbatoio del calcio italiano e va introdotto l'obbligo di schierare solo under 25 italiani e il divieto di tesseramento di calciatori stranieri".

MORTE CIRO ESPOSITO - "E' stato un dramma collettivo di una città straordinaria. La famiglia di Ciro è stata esemplare, ma ora bisogna intervenire fronteggiando il problema della violenza in maniera semplice e decisa introducendo leggi come in Inghilterra".

 

 




Commenta con Facebook