• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Lotito: “Gli agenti sono come i negrieri. Con i soldi della Juventus..."

Lazio, Lotito: “Gli agenti sono come i negrieri. Con i soldi della Juventus..."

Il patron biancoceleste ha parlato anche dell'eventualità di scendere in politica


Claudio Lotito © Getty Images
Matteo Torre (Twitter: @torrelocchetta)

03/07/2014 00:02

LAZIO LOTITO AGENTI NEGRIERI EROE NAZIONALE / ROMA - Claudio Lotito, Presidente della Lazio, ha rilasciato una corposa intervista a 'Il Foglio'. Eccone alcuni passaggi: “Perché no ad Albertini come Presidente della FIGC? Lui è un fenomeno alla maniera di Kant, mentre il calcio ha bisogno di gente con esperienza manageriale, che ci sappia fare. Renzi? Ha fatto la legge Nardella sugli stadi: un pasticcio con cui non se n'è costruito neanche uno. E i procuratori sono una malattia del sistema calcio. Un agente, una volta, mi disse che per chiudere una trattativa pretendeva sette milioni nelle sue tasche: una tangente, per me. Il suo calciatore, presente, non parlava. L'agente ha detto: 'Certo che sta zitto, lui non pensa. E' mio'. I procuratori sono come i negrieri: estorsori autorizzati. Serve più trasparenza nel calcio e anche per questo sono a favore della prova tv”. Anche gli arbitri contano troppo? Silenzio ironico.

POLITICA - “Io molto interessato alla politica? No, sono affezionato alla polis. Ho preso la Lazio per spirito di servizio. La Lazio è tra le pochissime squadre a produrre reddito e verso ogni anno sei milioni di tasse, come il bilancio di una squadra di Serie B. Ho salvato e rilanciato questa squadra. Mi hanno copiato tutti, anche De Meo, Ad dell'Alfa Romeo. Se Cragnotti era un prenditore? Non mi faccia dire... Stimo Agnelli, anche se ci confrontiamo serratamente. Diego Della Valle quando ero appena arrivato in Lega Calcio mi zittiva: 'Tu stai zitto e paga le tasse'”.

CONTESTAZIONE - “Se fossi all'Alitalia sarei un eroe nazionale adesso. Abbiamo vinto la Coppa Italia contro la Roma, eppure ci hanno tirato le monetine mentre si festeggiava”.

CON I SOLDI DELLA JUVE... - "Se avessi io i soldi della Juventus ti assicuro che vincerei tutto. Con me pensavano d'aver preso la vacca per le zinne, invece hanno preso le palle di un toro. In Italia tutit vogliono mungere i Presidenti delle squadre di calcio, ma io vi dico che i patròn non sono più cogliòn".




Commenta con Facebook