• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, 5 miliardi sprecati in 5 anni

Serie A, 5 miliardi sprecati in 5 anni

Nell'era Beretta i ricavi tv spesi senza investimenti per il futuro


Maurizio Beretta (Getty Images)
Jonathan Terreni

02/07/2014 12:55

SERIA SPRECHI MILIARDI / ROMA - Se è vero che il calcio italiano è da rifondare bisognerà ripartire dalle fondamenta. Riforma dei campionati, regolamenti ferrei per il calciomercato e sui calciatori stranieri per i nostri club, rivalutazione della pratica delle scuole calcio: tutti punti fondamentali su cui metter mano anche se le vere novità dovranno arrivare dalla base. Per molti è la Lega il vero nodo cruciale del nostro calcio e lo testimoniano il caos post Mondiale e le continue incertezze sul successore di Abete. Come scive il 'Corriere dello Sport', nell'era Maurizio Beretta, iniziata nel 2009, oltre 5 miliardi derivanti dagli accordi con le televisioni sono stati persi nel nulla, bruciati e investiti malamente. O non investiti proprio, visto che nessun supporto economico è stato dedicato alle scuole calcio e alla nascita dei nuovi impianti.

Le società si sono perse nei pagamenti dei loro dipendenti e dei loro numerosissimi tesserati, guardando più agli interessi di oggi che ai prospetti di domani. E con questo tutto il sistema ne risente, come un cerchio senza uscita. Pochi talenti cresciuti in casa, poco spazio per i giovani e risultati pessimi in ottica internazionale. Per questo urgono interventi rapidi e incisivi. Troppi calciatori a libro paga di cui spesso gli stessi presidenti, a stento, si ricordano di avere. Poca attenzione allo sviluppo dei centri sportivi, eccezion fatta per qualche società, il tutto a discapito della competività.

Ma quale sarà allora il futuro? E' questo il più grande punto interrogativo che affligge in questo periodo il nostro calcio, in attesa di vedere, o quanto meno avvertire, un deciso cambiamento di rotta. Il recentre accordo tra le tv e la Lega portetà un enorme introito per il trienno 2015-2018. Adesso vietato fallire, non sono ammessi sprechi e giustificazioni. Per fortuna alcuni club di casa nostra hanno capito e si sono messi sulla strada giusta. Ma gli stadi nuovi non basteranno. Occorre prendere esempio da chi per anni abbiamo sottovalutato e che adesso ci guarda dall'alto. Modelli di sviluppo economico-sportivo come quello tedesco e inglese non possono passare inosservati. Non c'è tempo per l'orgoglio.




Commenta con Facebook