• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > PAGELLE E TABELLINO DI ARGENTINA-SVIZZERA

PAGELLE E TABELLINO DI ARGENTINA-SVIZZERA

La 'Seleccion' avanti a fatica. Brilla Di Maria, delude il napoletano Higuain


Angel Di Maria (Getty Images)
Antonio Papa (twitter @antoniopapapapa)

01/07/2014 21:06

PAGELLE E TABELLINO DI ARGENTINA-SVIZZERA - SAN PAOLO (Brasile) - Passa anche l'Argentina, ma che fatica anche per Sabella. Anche per l'Albiceleste c'è bisogno del secondo tempo supplementare per risolvere una partita che si era messa malissimo contro una Svizzera mai doma, solidissima dalla cintola in giù. Fra i sudamericani brillano Rojo e Di Maria, male Higuain. 
 
 
ARGENTINA
 
Romero 6 - Pericolo pubblico quando arrivano palloni tranquilli, che spesso rischiano di vederlo protagonista in negativo con delle topiche clamorose, poi però sa tirar fuori paratone come quella che salva l'Argentina nel primo tempo, botta di Xhaka. Dottor Jekyll e mister Hyde. 
 
Zabaleta 6 - Collabora anche lui sia alla fase offensiva che a quella difensiva, pur senza eccellere. Il gioco dell'Argentina si sviluppa sicuramente di più sull'altra fascia. 
 
Fernandez 6 - Pericoloso nelle scorse uscite, oggi si dà un'assestata e respinge tutto ciò che c'è da respingere, con le buone e con le cattive. Di fronte, in verità, c'era un non irresistibile Drmic. Da rivedere in test più probanti. 
 
Garay 6 - La coppia con Fernandez aveva dato più di un patema a Sabella nelle scorse uscite, oggi invece si mantiene su standard accettabili. 
 
Rojo 7 - Questo terzino a tutto campo riesce ad arrivare sul fondo con una costanza impressionante, poi va indifferentemente a crossare o a concludere. Poi all'improvviso lo vedi nella sua area di rigore, a chiudere da centrale puro, e lì pensi che ci siano due calciatori con la stessa maglia. Una forza della natura. (Dal 105' Basanta sv)
 
Mascherano 6,5 - O la palla o la gamba, ma quando è gamba è sempre anche palla, viceversa invece no. Un paio di recuperi a sradicare il pallone dall'avversario sono da applausi. 
 
Gago 6,5 - Rispetto al compagno interdisce un po' meno ma è molto più lucido nell'impostazione. Questo torneo lo sta rigenerando e riproponendo alla grande nel calcio che conta. (dal 106' Biglia sv)
 
Di Maria 7 - Se c'è da trovargli un difetto è che si innamora spesso del suo talento, è troppo lezioso, ma di sicuro non sbaglia a piacersi tanto. Frizzante, rapido nell'arrivare sul pallone sempre per primo, crea le occasioni più pericolose dei suoi, come dimostra quel golazo al minuto 117 che chiude i giochi. 
 
Messi 6 - Da lui ci si attende sempre la magia, la giocata impressionante che strappi gli occhi ai presenti. Stasera invece gli manca il guizzo giusto, e infatti - guarda caso - l'Argentina fatica più del solito. Eppure il suo lo fa sempre, così come l'assist per Di Maria che chiude la partita.
 
Higuaìn 5 - Il gol lo sfiora con un colpo di testa in torsione che impegna Benaglio, per il resto è sempre troppo prevedibile e marcato bene dai difensori svizzeri. Ancora non riesce a fare la differenza.
 
Lavezzi 5,5 - Il cambio di passo oggi non c'è, i pochi spunti finiscono preda degli attenti difensori elvetici. Si fa anche male, tanto che poi Sabella preferisce toglierlo dal campo. (dal 73' Palacio 6 - Ingresso positivo anche per l'approccio subito pericoloso per la difesa avversaria. Va anche vicino al gol più di una volta). 
 
All. Sabella 5,5 - A questo Mondiale non è facile per nessuno, ma ci si aspetta che una corazzata come la sua abbia vita facile contro la seconda di un girone semplice come quello della Francia, qualificatasi a stento. Comunque una Svizzera davvero niente male, quindi ha tutte le attenuanti del caso. 
 
 
 
SVIZZERA 
 
Benaglio 7 - La ripresa lo vede salire in cattedra con una serie di parate assolutamente decisive, compreso un riflesso fantastico su conclusione sporca di Rojo e un altro su bolide di Messi dal limite. Risolve parecchi problemi ai suoi. 
 
Lichtsteiner 6 - Non è stato un gran Mondiale per lui, oggi però lo si vede spesso e volentieri dall'altra parte del campo. Efficace anche in diagonale. 
 
Schaar 6,5 - Riprende palla e imposta, va anche vicino al gol nella ripresa.  Con Djorou forma una coppia solidissima.
 
Djorou 6,5 - Non ne perde una, francobolla Higuaìn come se fosse il suo gemello siamese e di fatto non gli fa toccare palla. Un segnale importante dopo una fase a gironi da incubo. 
 
Rodriguez 7 - Uno stantuffo inesauribile su quell'out sinistro, chiude e riparte con la continuità di una macchina industriale. Un esterno completo come pochi. 
 
Behrami 6,5 - In prima o in seconda battuta è sempre pronto a sacrificarsi e a prendersi i proiettili dei compagni. E li prende davvero tutti. Non è sempre preciso, ma combatte come un leone. 
 
Inler 6,5 - Preciso e ordinato, dirige il traffico con personalità e tiene in pugno la situazione fino alla fine. Un paio di verticalizzazioni illuminanti avrebbero meritato un'assistenza diversa da parte dei compagni. 
 
Shaqiri 5,5 - Prova a proporsi, cerca di farsi valere soprattutto con delle combinazioni rapide, ma non la spunta mai, complice anche la giornata di grazia della difesa argentina, che per lui ha un particolare occhio di riguardo. 
 
Xhaka 6 - La sua presenza si sente a metà primo tempo, quando lascia partire una bomba che solo un Romero top class riesce a sventare. Poi esce un po' dai radar, complice forse anche un po' di stanchezza. Giusta la sostituzione. (Dal 64' Gelson Fernandes 5,5 - Un cartellino appena entrato in campo, parecchie imprecisioni in mediana. E dire che doveva portare superiorità là in mezzo).
 
Mehmedi 5,5 - Si sacrifica tantissimo per la squadra, correndo per tre. Ma in fase offensiva incide poco. Passeggia sempre abbastanza lontano dal centro dell'azione, insomma non lascia il segno. (Dal 117' Dzemaili sv)
 
Drmic 5 - Utile soprattutto nelle sponde, davanti alla porta però non la vede mai. Sbaglia tutto quello che può sbagliare, compreso un gol praticamente fatto, non dà mai profondità. Sì, alla Svizzera manca un centravanti. (Dall'81' Seferovic 5,5 - Entra per provare a cambiare le cose ma il risultato non è molto diverso da quello del suo predecessore. Sì, alla Svizzera manca un centravanti).
 
All..Hitzfeld 6,5 - Una prova di grandissimo carattere e solidità - soprattutto difensiva - contro una squadra che sulla carta dovrebbe essere accreditata alla vittoria finale. Uscire così fa malissimo, specialmente dopo il palo clamoroso a tre minuti dal termine del secondo supplementare. Incredibile. 
 
 
Arbitro Eriksson 6  - Sembra un po' tirato con i cartellini, dirige bene senza perdere mai il polso ma la partita rischia di complicarsi a più riprese. 
 
 
TABELLINO
 
ARGENTINA-SVIZZERA 0-0 (1-0 dts)
 
Argentina (4-3-3): Romero; Zabaleta, Fernandez, Garay, Rojo (105' Basanta); Gago (106' Biglia), Mascherano, Di Maria; Messi, Higuain, Lavezzi (73' Palacio). A disposizione: Andujar, Orion, Demichelis, Campagnaro, Perez, A. Fernandez, Maxi Rodriguez, Alvarez. CT Sabella
 
Svizzera (4-2-3-1): Benaglio; Lichtsteiner, Djorou, Schar, Rodriguez; Behrami, Inler; Shaqiri, Xhaka (64' Fernandes), Mehmedi; Drmic (81' Seferovic). A disposizione: Sommer, Burki, Land, Senderos, Ziegler, Barnetta, Dzemaili, Stocker. CT Hitzfeld
 
Marcatori: 116' Di Maria (A)
 
Ammoniti: Xhaka, Fernandes (S), Rojo, Garay (A)



Commenta con Facebook