• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > ITALIANS MUNDIAL - Pjanic-gol, Fernandez disattento

ITALIANS MUNDIAL - Pjanic-gol, Fernandez disattento

I voti dei giocatori del nostro campionato, in campo nella massima manifestazione internazionale


Miralem Pjanic (Getty Images)
Hervé Sacchi (Twitter: @hervesacchi)

26/06/2014 13:47

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI SERIE A AI MONDIALI / ROMA - Appuntamento del giovedì con lo speciale di Calciomercato.it che, anche oggi, deve congedare altri due 'Italians' che lasciano il Mondiale 2014: Senad Lulic e Miralem Pjanic - già certi di non proseguire l'avventura dopo la partita contro la Nigeria - lasciano il Brasile con qualche rimpianto. Tuttavia, il giocatore della Roma può consolarsi con una gara, quella contro l'Iran, che ha vissuto da grande protagonista con un bel gol. Il migliore tra i rappresentanti della Serie A in campo nella giornata di ieri. Non è andata benissimo invece al difensore del Napoli Fernandez, il quale ha avuto ancora qualche problema nella partita contro la Nigeria. Tutti gli altri 'Italians' hanno conseguito la sufficienza.

STEPHAN LICHTSTEINER (Svizzera - Juventus): voto 6 - Preciso e attento, riesce a coprire bene il suo settore considerando che Shaqiri si avventura spesso e volentieri in attacco, con esiti peraltro eccellenti. Certo l'Honduras non era la Francia, ma resta il fatto che il giocatore della Juventus ha saputo arginare ogni possibile incursione degli elementi offensivi avversari.

VALON BEHRAMI (Svizzera - Napoli): voto 6 - Migliora anche lui, facendo quello che gli riesce meglio, ovvero recuperare palloni a centrocampo e avviare l'azione. Ogni tanto prova ad avventurarsi in avanti, ma senza ricevere gioie personali.  

BLERIM DZEMAILI (Svizzera - Napoli): s.v. - Entra al minuto 85' senza possibilità di rendersi utile.

GOKHAN INLER (Svizzera - Napoli): voto 6 - Fatica un po' a inizio gara, ma è lui a catturare il pallone che avvia l'azione del secondo gol elvetico. Prova il tiro dalla distanza in alcune occasioni, andando vicino alla rete. Complessivamente, disputa una prestazione sinceramente migliore rispetto alle ultime gare meritandosi la sufficienza piena.

PAUL POGBA (Francia - Juventus): voto 6 - Torna titolare nell'ultimo impegno del girone, in posizione di centrocampista centrale con Sissoko e Matuidi. Fa girare bene il pallone e anche in fase di interdizione si fa trovare pronto. Va vicino a sbloccare la gara nel primo tempo con un colpo di testa che il portiere ecuadoregno è costretto a deviare in angolo. Nella ripresa, sempre di testa, si divora la rete. Resta comunque la miglior partita del giocatore juventino nell'arco delle tre gare mondiali.  

MARIANO ANDUJAR (Argentina - Catania) - In panchina.

HUGO CAMPAGNARO (Argentina - Inter) - In panchina.

FEDERICO FERNANDEZ (Argentina - Napoli): voto 5,5 - Gode della fiducia di Sabella, ma anche contro la Nigeria non convince pienamente. C'è qualche leggera macchia sulla sua prestazione che potrebbe portare il ct dell'Argentina a valutare l'ipotesi di una sostituzione in vista del prossimo impegno contro la Svizzera.  

LUCAS BIGLIA (Argentina - Lazio): s.v. - Anche in questa gara viene inserito nei minuti finali, senza aver possibilità di ottenere un voto in pagella.  

RICARDO ALVAREZ (Argentina - Inter): voto 6 - Prende il posto di Lionel Messi a mezz'ora dalla fine della gara, in un momento in cui comunque la Nigeria cerca di trovare qualche affondo per ristabilire la parità. Agisce prettamente sulla destra, disimpegnandosi bene in un ruolo che non è propriamente abituato a ricoprire.

RODRIGO PALACIO (Argentina - Inter) - In panchina.

GONZALO HIGUAIN (Argentina - Napoli): voto 6 - Non è fortunato ed è un dato di fatto. Per fortuna c'è Messi che porta avanti la carretta. E' chiaro che determinati meriti sono da riconoscere all'attaccante del Napoli, capace di fare determinati movimenti che permettono alla 'Pulce' di avere maggiore spazio per essere incisivo. Avrebbe la possibilità di segnare in un paio di occasioni, ma non centra la porta.  

MIRALEM PJANIC (Bosnia - Roma): voto 7 - Certamente il migliore dei suoi, chiude l'esperienza al Mondiale con un bel crescendo in una partita che, sfortunatamente per i suoi, era inutile ai fini della qualificazione. Alimenta l'azione del primo gol firmato da Dzeko e poi mette il sigillo personale alla gara, con il suo primo gol a un Mondiale. Nonostante sia finita presto e con qualche rammarico, la Bosnia può affidarsi a un talento come Pjanic per qualificarsi alla fase finale degli Europei 2016.  

SENAD LULIC (Bosnia - Lazio) - In panchina.

OGENYI ONAZI (Lazio): voto 6 - Si merita la sufficienza per aver svolto un lavoro di grande sacrificio. Corre tanto, dimostrandosi prezioso specialmente in termini di quantità. Non va oltre questi compiti, anche se cerca ogni tanto la battuta dalla lunga distanza.

NELLA PROSSIMA EDIZIONE - Torneremo anche domani, per raccontarvi come hanno giocato gli 'Italians' di Germania, Portogallo, Ghana, Algeria e Belgio in campo quest'oggi nell'ultima giornata della fase a gironi, che interessa i gruppi G e H.




Commenta con Facebook