• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > PAGELLE E TABELLINO DI HONDURAS-SVIZZERA

PAGELLE E TABELLINO DI HONDURAS-SVIZZERA

Un magico Shaqiri fa volare la Svizzera. L’Honduras non fa nulla per rovinarle la festa.


Xherdan Shaqiri (Getty Images)
Marco Cattarulla

26/06/2014 00:21

PAGELLE E TABELLINO HONDURAS-SVIZZERA / MANAUS – La Svizzera passa il girone di qualificazione grazie alla serata magica di Shaqiri, autore di una tripletta, e Drmic, due assist. Bene Rodriguez in fase difensiva. Benaglio bravo e fortunato, Djourou rischia rigore ed espulsione. Nell’Honduras, già in vacanza, si salvano W. Palacios, unico che riesce a dar un’idea di calcio, e Bengston, il solo a rendersi pericoloso. Imbarazzante la difesa, con Beckeles e Bernardez gravemente insufficienti.

HONDURAS

Valladares 5,5 – E’ parso in ritardo sul gran gol di Shaquiri. Sugli altri due gol non ha colpe specifiche ed evita la goleada con interventi precisi sulle conclusioni dalla distanza.

Beckeles 4 – Unica nota positiva una girata in area avversaria, terminata a lato. Non appoggia mai il compagno di reparto O. Garcia e dalla sua parte passano tutti. Drmic lo capisce presto e giostra sempre nella sua zona.  

Bernardez 4 – Un centrale difensivo moderno deve saper impostare l’azione e spiccare per attenzione e intelligenza tattica. Lui naufraga con tutta la retroguardia. Mai un anticipo, mai un movimento per mandare in fuorigioco i folletti elvetici. Si fa saltare con un tunnel sul gol del tre a zero. Inadeguato.

Figueroa 4,5 – Come Bernardez. Almeno tenta di portar palla e creare superiorità a centrocampo. Ma in fase difensiva non ci siamo.

J. Garcia 5 – Quando Shaquiri si accentra per il primo gol, lui lo segue sicuro di coprirne la giocata. Pecca di inesperienza ad alti livelli. Però dalla sua parte la Svizzera non sfonda come sull’altra fascia e un po’ di merito se lo ritaglia.

O. Garcia 5,5 – Ha gamba e voglia di fare bene ma Rodriguez è un osso duro. Non trova mai il fondo e si limita a presidiare la zona di competenza. Dal  77’ Najar s.v.

Claros 4 – Finchè l’Honduras ha il possesso palla, partecipa al fraseggio e tenta di dar respiro alla manovra, ma si vede che non ha particolari compiti di copertura considerato lo spirito con il quale la squadra affronta la gara. Assolutamente inesistente in copertura.

W. Palacios 6 – tra i pochi che si salvano nell’undici sudamericano. Ci mette esperienza e qualità, creando non pochi problemi alla mediana svizzera. Tanta corsa e ricerca continua degli spazi ma predica nel deserto.

Espinoza 5 – Dovrebbe mettere apprensione al fianco destro della difesa elvetica ma sbatte contro il muro Lichsteiner. Mai pericoloso. Dal 45’ Chavez 5,5 – Buona tecnica individuale, punta sistematicamente Lichsteiner e costringe sempre al raddoppio.

Bengston 6 – Se avesse il fiuto del grande attaccante, probabilmente si commenterebbe un’altra partita. Ha due grandi occasioni ma le sciupa malamente. Nella prima, chiude troppo l’angolo di tiro a porta sguarnita e permette a Rodriguez il salvataggio sulla linea. Nella seconda, colpisce di testa a botta sicura ma spara su Benaglio. Ha il merito di crederci fino alla fine e di essere al posto giusto nel momento giusto.

Costly 5,5 – Il più dinamico tra i due attaccanti sudamericani. Gioca tra le linee ma non trova mai uno spunto vincente, complice anche la mediana intasata di maglie rosse. Esce per infortunio. Dal 40’ J. Palacios 6 – Porta vivacità e temperamento. Incredibile il rigore non fischiato quando Djourou lo atterra davanti alla porta.

All. Suarez 6 – Esperienza tutto sommato positiva per la sua selezione. Se con l’Ecuador aveva sfiorato l’impresa, stasera gioca per la storia. Probabilmente ha detto ai suoi di divertirsi perché altrimenti non si spiega l’atteggiamento da oratorio di difesa e centrocampo. Linea difensiva alta ma nemmeno un’ipotesi di tattica del fuorigioco. In fondo il calcio è anche questo. Spettacolo.

SVIZZERA

Benaglio 6 – Poteva compromettere la serata magica della sua squadra con un errore in disimpegno che per poco manda in porta Bengston. Una macchia che per fortuna non influisce su una prestazione positiva. Buoni interventi in area piccola, anche se con qualche apprensione di troppo.

Lichsteiner 6 – Partita onesta per l’esterno juventino. Mantiene la posizione in copertura alle scorribande di Shaquiri. Puntuale e preciso in copertura, non sbaglia un intervento.

Djourou 5 – Sempre ben posizionato sulle palle alte, rischia terribilmente affossando J. Palacios in area. Sarebbe stato rigore più espulsione. L’arbitro lo grazia e lui ringrazia: la partita sarebbe clamorosamente cambiata.

Schar 5,5 – Non sempre puntuale nelle chiusure, poco reattivo sulle mischie in area. Si perde un paio di volte Bengston ma per fortuna sua l’attaccante avversario è poco preciso. Ci vuole una registrata per la prossima gara.

Rodriguez 7 – Dalla sua parte non si passa. Grande prestazione in fase di contenimento. Salva sulla linea un gol già fatto del solito Bengston. Sfiora anche il gol sul finire di gara.

Behrami 6 – Il suo compito è semplice: recuperare palla e servire i fantasisti elvetici. Dinamico e disciplinato, tenta anche qualche sortita palla al piede.

Inler 5,5 – Lui, oltre che a interdire, dovrebbe anche dar ordine alla manovra. Tocca pochi palloni e sbaglia qualche appoggio di troppo. Meno lucido che in altre circostanze. Sfiora il gol con un bolide da fuori area, specialità della casa.  

Shaqiri 8 – Una serata indimenticabile per lui. Tre gol che significano qualificazione. Il primo è una perla, tra le reti più belle di questo Mondiale. Palla incollata al piede, si accentra, resiste alla carica di un avversario e fa partire un sinistro che si insacca al’incrocio dei pali. Sistematicamente imprendibile. Dialoga stupendamente con Drmic. Gli altri due gol sono la sintesi di questa Svizzera: velocità, tecnica, qualità. Dall’85’ Dzemaili s.v.

Xhaka 6 – Meno preciso dei compagni di reparto, almeno in fase offensiva. Corre molto e fa tanto lavoro oscuro per garantire a Shaquiri la maggior libertà. Più che altro si adegua alla serata magica del compagno. Utile anche in fase difensiva. Dal 7’ Lang s.v.

Mehmedi 6,5 – Anche lui oscurato dalla luce di Shaquiri, riesce però ad assistere diverse ripartenze elvetiche. Va vicino alla segnatura con una conclusione dalla distanza.

Drmic 7 – Giocatore di riferimento per ogni attacco svizzero. Dopo 2’ va sul fondo, doppio passo e palla in mezzo per Shaquiri, rimpallato dal portiere. Movimento continuo nelle praterie della metà campo dell’Hounduras. Da manuale il triangolo che manda in porta ancora una volta il compagno di reparto Shaquiri. Chiude in bellezza con tunnel e assist per il terzo gol elvetico. Dal 72’ Seferovic

All. Hitzfeld 6,5 – La sua Svizzera vince ma non convince, nonostante il risultato. Poteva finire in goleada, è vero, ma la difesa è andata spesso in difficoltà e non ci saranno più le praterie che gli avversari hanno lasciato. Per continuare il sogno mundial ci vorrà qualcosa di più.

Arbitro: Irmatov 4 – Direzione facile, partita dallo spirito amichevole. Nessun ammonito ma la pesante pecca del rigore non fischiato a favore dell’Honduras. Djourou si fa scavalcare dal lancio e, riprendendo la posizione, spinge da dietro J. Palacios. Rigore solare ed espulsione. Nulla di tutto questo.

TABELLINO

HONDURAS-SVIZZERA 0-3

Honduras (4-4-2): Valladares; Beckeles, Bernardez, Figueroa, J. Garcia; O. Garcia (dal 77’ Najar), Claros, W. Palacios, Espinoza (dal 45’ Chavez); Bengston, Costly (dal 40’ J. Palacios).  All.: Suarez.

Svizzera (4-2-3-1): Benaglio; Lichsteiner, Djourou, Schar, Rodriguez; Behrami, Inler; Shaqiri (dall’85’ Dzemaili), Xhaka (dal 76’ Lang), Mehmedi; Drmic (dal 72’ Seferovic).  All.: Hitzfeld.

Arbitro: Irmatov

Marcatori: 5’, 30’, 70’ Shaquiri (S),
Ammoniti: -
Espulsi: -




Commenta con Facebook