• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI STATI UNITI-PORTOGALLO

PAGELLE E TABELLINO DI STATI UNITI-PORTOGALLO

Johnson è travolgente, Besler attentissimo. Altra serataccia per Ronaldo. Bento salvato all'ultimo da Varela


Johnson: uomo partita (Getty Images)
Stefano Carnevali

23/06/2014 01:49

PAGELLE TABELLINO STATI UNITI-PORTOGALLO / MANAUS (Brasile) - La squadra di Klinsmann è una bella realtà, guidata da uno straripante Johnson e da un attentissimo Besler. Bene anche Jones. Sicuro Howard. Steccano Bedoya e soprattutto Cameron. Dempsey è una certezza. Il Portogallo delude ancora: male Ronaldo e, a seguire, Eder, Nani e Moutinho. Si salvano solo Ricardo Costa e il subentrante Carvalho. Male i terzini. Bento sbaglia ogni mossa tattica. Varela salva i lusitani al 95', ma è troppo poco. 

STATI UNITI
Howard 7 - Può poco sul gol. Bravo al 42' a chiudere su Nani. Malissimo in occasione del palo di Nani, si riscatta immediatamente con un vero miracolo sul tentativo di tap-in di Eder. Molto bravo su Meireles al 66'. Nulla può sul gol finale di Varela. 
Johnson 8 - Nel traballante avvio degli Usa, è uno dei meno frastornati. Quando gli americani crescono, lui è nuovamente tra i migliori. Copre con autorità tutta la fascia, senza alcun timore verso Cristiano Ronaldo (che, non a caso, cambia prestissimo la posizione). Al 32' va vicino al pareggio.
Cameron 5 - Inguardabile la svirgolata con cui consente a Nani di segnare, dopo soli 5'. Poi non è molto sollecitato. Pasticcione anche in avvio ripresa, gli va meglio quando deve incrociare con Eder. 
Besler 7,5 - Un'altra grande prova. Nei primi minuti, quando la barca a stelle e strisce rischia di affondare, è lui a timonarla fuori dalla bufera. Successivamente comanda con autorità una difesa costretta al pressing alto, senza disdegnare un'impostazione più che pregevole. Molto bene anche quando deve fronteggiare un certo Ronaldo.
Beasley 6,5 - Tutto un altro giocatore, rispetto al terzino balbettante visto contro il Ghana: spinge e difende senza paure. Deve solo migliorare nella rifinitura. Ha una sola colpa: fa crossare Ronaldo al 95'.
Beckerman 6 - Bassissimo: gioca attaccato ai difensori. La situazione, dopo pochi minuti, non è più molto utile. Troppi errori in fase di impostazione. A conferma di questo, perde un bruttissimo pallone al 41', consentendo la ripartenza al Portogallo. Chiude in crescendo.
Jones 6,5 - Riportato in mezzo, è maggiormente a suo agio. La partita gli chiede di essere propostivo da subito: lui non si tira indietro, ma le sue qualità migliori sono difensive. Firma un gol bellissimo e importantissimo.
Bedoya 5 - E' la vera delusione del primo tempo Usa: dopo la buona prova contro il Ghana, appare in evidente flessione. Dal 72' Yedlin 6,5 - Innesca l'azione del 2-1. Anche lui abusa di Veloso. 
Bradley 5,5 - Trequartista di contenimento, si trova molto presto in una partita che richiederebbe un altro dinamismo e una maggiore verticalità. Sa muoversi bene con la squadra, ma non ha la qualità per incidere da rifinitore puro. Ha la palla del pari al 55' (cortesia del 'solito' Johnson), ma Ricardo Costa compie un salvataggio miracoloso. Lui comunque poteva fare di più. Entra anche nell'azione del 2-1. Perde, con troppa leggerezza, il pallone da cui scaturisce l'azione del pari portoghese al 95'.
Zusi 5,5 - La grande novità di Klinsmann. Gioca a sinistra, quindi non può essere letale da subito con i suoi caratteristici cross. Torna sensatamente a destra quasi subito. Sbaglia curiosamente quasi tutti i corner che calcia. Partita complicata. Dal 91' Gonzalez SV -.
Dempsey 7 - Unica punta. Tanto movimento e pochi riferimenti per la difesa avversaria. Sempre pericoloso, calcia in tutti i modi e crea più di un grattacapo al compassato duo difensivo del Portogallo. Nonostante un secondo tempo un po' sottotono, è una sentenza: ha una palla buona e timbra ancora il cartellino. Dall'87' Wondolowski SV -.
All: Klinsmann 7,5 - Dentro Zusi e Dempsey unica punta. piano tattico evidente: aspettare per ripartire. Il gol in apertura fa saltare il progetto e fa sbandare la squadra. Dopo un quarto d'ora da incubo, le cose cambiano e gli Usa cominciano a creare più di un problema al Portogallo. Gli Usa giocano, forse manca un po' di peso davanti,ma la squadra è con lui ed è in grande salute. 

PORTOGALLO
Beto 5,5 - Si prende qualche rischio con i piedi. Ostenta fin troppa sicurezza: quasi supponente nelle parate. Deve spesso ringraziare la poca precisione delle conclusioni Usa. 
Joao Pereira 5 - Poca spinta. Impaurito, appesantito.
Bruno Alves 5,5 - Deve ringraziare più di una volta Ricardo Costa. Non commette errori madornali, ma rischia ad ogni intervento, per la sua consueta irruenza.
Ricardo Costa 6,5 - Dopo il grande avvio di gara, il Portogallo soffre tantissimo. A lui tocca sbrogliare le matasse più intricate.  Il suo salvataggio su Bradley al 55', vale come un gol.
A. Almeida 4,5 - Dopo un avvio promettente, viene travolto da Johnson. Dal 46' W. Carvalho - Si piazza in mezzo al campo, garantendo copertura e prestanza fisica. E' tra i pochi lusitani a non avere le gambe molli o tremanti. 
R. Meireles 6 - Pressione altissima, tiene compatta la squadra. Con il passare dei minuti circoscrive notevolmente il proprio raggio d'azione. Al 66' ha la palla per il 2-1, ma si fa ipnotizzare da Howard. Dal 68' Varela 6- Si mette a sinistra per frenare Johnson. Anche lui, però, soffre la 'seratona' del terzino Usa. Firma il gol del pareggio in extremis. 
Moutinho 5,5 - Cerca di mettere ordine, ma all'inizio è tagliato fuori dai compagni, poi soffre il pressing americano.
Veloso 4,5 - Troppo poco mobile. Soffre in entrambe le fasi. Nel secondo tempo gioca come terzino sinistro. Prova a spingere, ma Johnson molto rapidamente gli prende le misure e gli scappa via quasi sempre. La sua fascia, nel finale, è terra di conquista. 
Nani 5,5 - Lesto ad approfittare dell'errore di Cameron, porta subito i lusitani in vantaggio. Successivamente incappa in un'altra serata storta. Sembra un giocatore che viaggia a larghe falcate verso il viale del tramonto. Al 42' ha la palla per fare il 2-0, ma spara su Howard. Con la complicità del portiere Usa, trova un palo clamoroso al 43'. Malissimo in occasione del gol di Jones.
H. Postiga SV - Un altro centravanti fuori condizione: come Hugo Almeida nella prima partita, lascia il campo dopo pochi minuti per problemi muscolari. Dal 16' Eder 4,5  - Vice presto in campo, come accaduto contro i Tedeschi. Non tocca praticamente palla fino al 44', quando manca un comodo tap-in (anche per via di un miracolo di Howard). Meglio in avvio di ripresa, quando riesce più volte a calciare verso la porta americana. Resta un corpo estraneo alla squadra. 
C. Ronaldo 5 - Comincia cattivo e voglioso.  Dopo il grande avvio, però, riaffiora una condizione tutt'altro che perfetta. Ancora una volta, il pubblico non gli perdona nulla e lui si innervosisce non poco. Fatica anche lui contro Johnson. Svaria spesso e molto su tutto il fronte dell'attacco. Emblematico della scarsa forma, il contropiede sprecato al 61'. Sembra un giocatore diverso rispetto a quello ammirato per tutto l'anno a Madrid. Subito dopo, arriva il pari Usa. All'86' - seppure in offside - si divora un gol che, di solito, segnerebbe anche a occhi chiusi e legato. Ha un solo guizzo: il cross che, al 95', consente a Varela di pareggiare. 
All: Bento 4 - Tutto quello che è mancato contro la Germania, si vede nell'avvio di gara contro gli Usa: velocità, cattiveria, possesso palla. Gli americani sono schiantati immediatamente. Dopo il primo quarto d'ora eccezionale, le cose cambiano: il Portogallo comincia a soffrire il grande pressing statunitense e sono brividi. Inspiegabile la decisione di posizionare Veloso come terzino sinistro: da quella parte sta imperversando da tempo Johnson.

Arbitro: Pitana (Arg) 7 - E' sempre piuttosto vicino all'azione. Completa un buon primo tempo, in cui 'dimentica' solo un giallo evidente per Cameron. Stesso metro - errato - al 59', quando 'grazia' Nani. Molto strano anche il non ammonire Moutinho (due falli duri in un minuto). Al 74' decide - correttamente - di non concedere il rigore per il contatto Nani-Zusi nell'area Usa. Ottima decisione sul gol di Dempsey.

STATI UNITI - PORTOGALLO 2-2
STATI UNITI (4-2-3-1):
Howard; Johnson, Cameron, Besler, Beasley; Beckerman, Jones; Bedoya (72' Yedlin), Bradley, Zusi (91' Gonzalez); Dempsey (87' Wondolowski). All: Klinsmann
PORTOGALLO (4-3-3): Beto; J. Pereira, B. Alves, R. Costa, Almeida (46' W. Carvalho); Meireles (68' Varela)), Moutinho, Veloso; Nani, Postiga (16' Eder), C. Ronaldo. All: Bento
Arbitro: Pitana (Arg)
Marcatori: 5' Nani, 95' Varela (P); 64' Jones, 81' Dempsey (U)
Ammoniti: 75' Jones (U)
Espulsi
Note: Al 39' l'arbitro, approfittando di un probelma per Jones, concede un timeout per ovviare all'enorme umidità di Manaus.




Commenta con Facebook