• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > L'Editoriale di Marchetti - Kovacic e Kakà, Inter e Milan aspettano...

L'Editoriale di Marchetti - Kovacic e Kakà, Inter e Milan aspettano...

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di SkySport24


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

20/06/2014 16:47

EDITORIALE MARCHETTI KOVACIC KAKA INTER MILAN / ROMA - Il fattore K, non si ragiona solo sugli acquisti, ma anche sulle cessioni o gli addii. Andiamo per ordine i.

Ieri a Madrid, il procuratore di Kovacic è stato in sede. Vero: Mamic non ha solo Kovacic fra i suoi assistiti, c'è anche un certo Modric che sta parlando per il rinnovo di contratto. Ma il baby nerazzurro piace eccome al Real e quindi una chiacchiera si è fatta. Più di una chiacchiera, forse anche un piano d'assalto. Dalla Spagna ci arriva che sia pronta un'offerta tra i 20-25 milioni di euro. È soltanto una ulteriore conferma di un interesse che si era palesato già qualche settimana fa. Ma la posizione dell'Inter è sempre la stessa. Non si vende. Non ci sono dubbi. Il problema potrebbe nascere se il Real dovesse alzare l'offerta. Ma Kovacic non si tocca. L'Inter ha altre strategie per fare cassa e per far partire il calciomercato. E ancora aspetta per chiudere M'Vila e poi attaccare anche Mbia.

Discorsi diversi al Milan. Su Kakà non c'è alcuna giurisdizione. Decide il giocatore, l'esatto opposto. I problemi familiari di Ricardo entrano nelle dinamiche del mercato. Noi dei suoi affari non ci siamo mai voluti interessare, e neanche Galliani. Finora al Milan non sono arrivate comunicazioni particolari, e di certo non sarà il Milan a chiamare per sapere come stanno andando le cose. Il club rossonero non forzerà alcun tipo di situazione. Né per rimanere, né per lasciare, né per le scadenze (teoricamente può liberarsi quando vuole entro il 30, per il Milan non ci sono problemi dovesse decidere anche dopo).

Dall'America sono convinti che il brasiliano abbia trovato l'accordo con Orlando che poi lo lascerebbero giocare fino al 2015 con il San Paolo. Vista così sarebbe la soluzione perfetta. Collima tutto con le dichiarazioni del presidente brasiliano, con il comunicato stampa degli americani, con il silenzio rossonero, con le indiscrezioni che arrivano dall'entourage di Kaka.

Il Milan poi sarebbe pronto eventualmente a sferare l'attacco per Iturbe. I margini economici ci sarebbero pure... Ma è un'altra storia. Per oggi è solo fattore K.




Commenta con Facebook