• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > I CRAQUE DEL MONDIALE: Joel Campbell, da esiliato in Grecia a sogno del Milan

I CRAQUE DEL MONDIALE: Joel Campbell, da esiliato in Grecia a sogno del Milan

L'esterno offensivo della Costa Rica potrebbe lasciare l'Arsenal per la Serie A


Joel Campbell (Getty Images)
Matteo Torre (Twitter: @torrelocchetta)

19/06/2014 22:19

CRAQUE MONDIALE JOEL CAMPBELL MILAN / ROMA - Il Mondiale è spesso e volentieri la miglior vetrina del calciomercato, specialmente per rilanciare la carriera di un calciatore. Anche se quel calciatore ha appena 22 anni: è il caso di Joel Campbell, considerato forse il miglior talento mai sfornato dalla Costa Rica. Su di lui – ala destra capace di svariare su tutto il fronte offensivo, classe 1992 – puntò in primis il Saprissa, che lo tesserò nel 2009. Nei piedi aveva la magia e, come pressoché tutti i giovani interessanti, finì per firmare un contratto con l'Arsenal. Tra il 2011 e il 2014 ha giocato in prestito per Lorient, Betis e Olympiacos, apparendo un calciatore degno dei campionati europei soltanto in quest'ultima esperienza, ben figurando anche in Champions League contro il Manchester United.

Poi è arrivato il Brasile. Contro l'Uruguay ha calamitato le luci dei riflettori, costringendo il mondo intero a capire che, se la Costa Rica è stata in grado di arrivare alla Fase finale di un Mondiale e di esordire col botto, gran parte del merito è probabilente suo. Sembrava uno dei tanti talenti dei 'Gunners' destinati a perdersi, invece Campbell si è rialzato e ha fatto girare le stelle dalla sua parte. Ora è un sogno di calciomercato del Milan: potrebbe diventare uno dei pilastri della rifondazione. Da esiliato in Grecia a calciatore conteso da Arsenal e rossoneri. Perché il Mondiale, spesso e volentieri, ti cambia la vita. E anche se hai appena 22 anni, ma già una lunga storia alle spalle, ti rilancia. Alle altezze che meriti.




Commenta con Facebook