• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Lotito: "Basta incomprensioni, ci servono i tifosi"

Lazio, Lotito: "Basta incomprensioni, ci servono i tifosi"

Il presidente biancoceleste chiama a raccolta i sostenitori per la nuova stagione



18/06/2014 13:00

LAZIO LOTITO TIFOSI / ROMA - Basta incomprensioni, servono anche i tifosi per fare grande la Lazio. Questo, in sintesi, il pensiero del presidente biancoceleste Claudio Lotito che in una nota ha spiegato: "Nel 2004 salvai la S.S. Lazio dal fallimento, questo e' un dato che nessuno puo' smentire, e per risollevare la difficile situazione economica in cui versava la societa' ho avviato un percorso di risanamento del debito pregresso che ci ha riportato in un equilibrio economico-finanziario invidiabile. Siamo cosi tornati a toccare le stelle vincendo tre trofei nazionali, di cui uno restera' nella storia, piu' una Coppa Italia Primavera e uno Scudetto Primavera. Abbiamo partecipato alla Champions League e siamo stati quasi perennemente in Europa League. Ad oggi, mentre s'incuneano nuove ambizioni e progetti, il rammarico piu' grande e' non essere riuscito a costruire un rapporto solido e di vicinanza con una parte della tifoseria biancoceleste, probabilmente quella piu' radicale e forse per questo piu' affiatata" riporta 'asca.it'.

Lotito, poi, conclude: "Mi auguro che con la nuova stagione le incomprensioni del passato possano risolversi. Lasciare lo stadio vuoto e' una forma sterile di protesta. Il calcio ha bisogno di regole, di trasparenza e di ordine. Su questo non si puo' transigere. In ogni caso, non dimentichiamoci che la Lazio ha bisogno di tutti per continuare a volare: dei conti in ordine, di progetti, e dei suoi supporter".

L.P.




Commenta con Facebook