• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > PAGELLE E TABELLINO DI ARGENTINA-BOSNIA

PAGELLE E TABELLINO DI ARGENTINA-BOSNIA

Messi prende per mano l' 'Albiceleste'. Kolasinac il peggiore dei balcanici


Messi ha guidato l
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

16/06/2014 02:20

PAGELLE E TABELLINO ARGENTINA BOSNIA / RIO DE JANEIRO (Brasile)- In un 'Maracanà' per l'occasione dipinto di 'albiceleste', Lionel Messi decide di scrollarsi di dosso i fantasmi del Sudafrica e trascina l'Argentina alla vittoria sull'esordiente Bosnia. Di Maria gioca una gara sontuosa. Delude Maxi Rodriguez sostituito nell'intervallo da un lucido Sabella. I balcanici vengono affondati subito da un'autorete di Kolasinac, nettamente il peggiore dei suoi.

 

ARGENTINA

Romero 5,5 – Comincia con qualche esitazione in uscita su un bel lancio di Misimovic. Da quel momento in poi si riscatta e salva la sua squadra in più occasioni con parate decisive. Nel finale rovina una buona prestazione sul gol di Ibisevic che riapre la partita.

Campagnaro 6 – Viene sostituito al termine nel primo tempo ma non ha particolari demeriti. Gioca una prima frazione ordinata cercando di mettere in moto qualche azione dei suoi. 45' Gago 6 – Entra e si piazza sul centrodestra a fare la mezz'ala. Gioca 45 minuti ordinati facendosi notare per qualche sponda e dei buoni appoggi.

Fernandez 5,5 – Preciso ed ordinato nella prima frazione in cui guida la difesa a 3 argentina. Nella ripresa perde qualche certezza con il cambio di modulo ed è colpevole quando Ibisevic gli scappa in occasione del 2-1.

Garay 6 – Al contrario del suo compagno di reparto nel primo tempo fatica un po', facendosi notare specialmente per qualche appoggio sbagliato (non da lui). Nel secondo tempo invece guida con sicurezza il reparto arretrato.

Zabaleta 6 – Nel primo tempo gioca da quinto di centrocampo e mette in grande difficoltà la catena di sinistra della Bosnia. Nel secondo tempo arretra a fare il terzino: spinge meno ma copre con buona precisione.

Maxi Rodriguez 5 – Il peggiore dei suoi. Sabella lo schiera come mezz'ala di centrocampo e lui risponde con una prestazione da ectoplasma. Nessuna sortita e pochissime iniziative. Viene giustamente sostituito al termine del primo tempo. 45' Higuain 6,5 – Sabella lo lancia ad inizio ripresa e ci vede bene. Il 'Pipita' gioca una grande partita di sacrificio. Si piazza a fare la punta centrale e mette in grande difficoltà la difesa avversaria con sponde e sportellate. Magnifico lo scambio con Messi in occasione del gol.

Mascherano 6 – 'El Jefecito' è il perno della mediana dell'Argentina ma non fornisce una prova da incorniciare. Forse troppo abituato al ruolo di centrale difensivo arretra spesso e non fornisce un grande apporto in fase di costruzione.

Di Maria 7 – Non è decisivo come Lionel Messi, ma è l'altra grande certezza dell'Argentina di Sabella. Gioca come mezz'ala e dimostra di essere un giocatore di qualità superiore. Fantasia, corsa e spirito di sacrificio lo rendono uno dei migliori della notte del 'Maracanà'.

Rojo 5,5 – Nonostante venga ammonito dopo neanche mezz'ora gioca un primo tempo propositivo e Sabella lo conferma nell'undici che scende in campo nella ripresa. Lui però si spegne e disputa un scondo tempo anonimo.

Aguero 5,5 – Uno dei peggiori della sua squadra. Nella prima frazione di gioco non azzecca un movimento anche se ci mette molto impegno. Nella ripresa dimostra di essere più a suo agio ma sbaglia troppo. Non è serata. 87' Biglia s.v.

Messi 7 – Non è costante come Di Maria, ma si merita il titolo di migliore in campo. Gioca un'ora anonima mettendoci grande impegno ma non riuscendo a costruire nulla. Dopo aver sentito qualche fischio si scatena e oltre al gol del 2-0 (decisivo e splendido) regala giocate degne della sua fama.

All. Sabella 6,5 – All'inizio sbaglia totalmente la formazione, schierando un 3-5-2 contratto e remissivo in cui le punte non riescono a trovare i giusti movimenti (neanche chiamandosi Messi ed Aguero). Nella ripresa, con coraggio, decide di cambiare tutto inserendo Higuain e Gago e l'Argentina cambia volto, arrivando ad una vittoria meritata.

 

BOSNIA

Begovic 6 – Il portiere bosniaco è sicuramente uno dei migliori del reparto arretrato di Susic. Non perfetto in alcuni interventi è però deciasmente efficace ed incolpevole nei due gol.

Mujdza 5,5 – Nella prima frazione di gioco dimostra buona personalità con qualche incursione sulla fascia. Poi perde fiducia e scompare. 69' Ibisevic 6,5 – Il primo gol della Bosnia ai Mondiali lo segna lui, entrato nella ripresa con il piglio giusto. Si dimostra subito vivace e voglioso di dimostrare il proprio valore. Non tradisce e segna una rete storica, diventando di diritto il migliore della sua squadra in questa difficile partita.

Spahic 6 – Il capitano bosniaco gioca una partita pulita. Insieme a Begovic è l'unico a non affondare nel reparto difensivo, dimostrando grande personalità e grande cuore.

Bicakcic 5,5 – Al contrario del compagno, non riesce ad entrare in partita come vorrebbe. Insicuro ed impreciso, si salva molte volte in maniera goffa e va troppo spesso in apprensione.

Kolasinac 4,5 – Il peggiore della squadra di Susic. Pronti via e si rende protagonista della sfortunata autorete che porta in vantaggio l'Argentina e condiziona la sua partita. Viene tradito dall'emozione e dalla cattiva sorte e gioca in maniera contratta per tutti i novanta minuti.

Besic 6 – Susic lo lancia come mediano di rottura e lui gioca una gara ordinata e di grande quantità. Ha molti limiti tecnici ma vince tanti duelli a centrocampo. Autore di una prova sufficiente.

Pjanic 5,5 – Doveva fare molto di più. Il suo grande talento viene espresso solamente a sprazzi e solamente in alcune giocate. Troppo impreciso, probabilmente paga anche lui l'emozione del debutto.

Hajrovic 5,5 – Susic conta molto su di lui per accendere la luce in fase offensiva e l'esterno del Galatasaray lo ripaga solamente in parte. Tanta quantità, non riesce ad esprimere la consueta qualità e finisce per giocare in maniera confusa. 70' Visca 6 – Entrato verso la fine per provare a cambiare la partita, si dimostra subito vivace e con tanta voglia di fare. Se nell'ultima parte di gara l'Argentina soffre il merito è anche suo.

Misimovic 6 – Incostante come spesso è stato nella sua carriera. Gioca una prima frazione di alto livello, prendendo per mano la squadra. Poi cala vistosamente (anche troppo) tanto che Susic decide di cambiarlo nel momento clou. 74' Medunjanin 6 – Gioca meno di una ventina di minuti ma si dimostra comunque propositivo in una fase difficile della partita.

Lulic 6,5 – Insieme ad Ibisevic è nettamente il migliore dei suoi. Tanto presente nella metà campo avversaria quanto utile in fase di non possesso. Corre per due, sbaglia tanti palloni ma ne gioca altrettanti (tra cui l'assist per Ibisevic) ed è l'ultimo a mollare.

Dzeko 6 – Partita difficile per l'ariete del Manchester City. Nella prima frazione mette in difficoltà la retroguarda argentina con la sua presenza, aiutando la propria squadra a salire e a non farsi schiacciare. Meno presente nella ripresa, ma è poco servito dai compagni. Partita comunque sufficiente

All. Susic 5,5 – L'autogol shock e l'esordio al Mondiale (per di più al 'Maracanà' e contro l'Argentina) sono elementi decisivi nella prova eccessivamente timida della sua squadra. Lui però non riesce a trasmettere la grinta giusta per cambiare marcia, arrivando forse troppo tardi alla soluzione offensiva con gli ingressi di Ibisevic e Visca.

Arbitro: Aguilar (SLV) 6,5 – Il fischietto di El Salvador si dimostra sicuro ed autoritario in una partita non troppo problematica ma comunque impegnativa. La gara infatti si dimostra subito molto fisica e con tanti contatti. Lui gestisce i fischi nella maniera opportuna, cercando di non spezzare troppo il gioco. Solo due cartellini gialli (Rojo e Spahic) comminati in maniera impeccabile. Dimostra di avere personalità, anche se alcune situazioni forse andavano gestite con maggiore severità (tante, forse troppe, le situazioni di vantaggio concesse).

 

TABELLINO

ARGENTINA-BOSNIA 2-1

Argentina (3-5-2): Romero; Campagnaro (45' Gago), Fernandez, Garay; Zabaleta, Maxi Rodriguez (45'Higuain), Mascherano, Di Maria, Rojo; Aguero (87' Biglia), Messi. All. Sabella

Bosnia (4-2-3-1): Begovic; Mujdza (69' Ibisevic), Spahic, Bicakcic, Kolasinac; Besic, Pjanic; Hajrovic (70' Visca), Misimovic (74' Medunjanin), Lulic; Dzeko. All. Susic

Arbitro: Aguilar (SLV)

Marcatori: 3' aut. Kolasinac (A), 65' Messi (A), 85' Ibisevic (B).

Ammoniti: 25' Rojo (A), 63' Spahic.

Espulsi:

Note:

 




Commenta con Facebook