• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > PAGELLE E TABELLINO DI SVIZZERA-ECUADOR

PAGELLE E TABELLINO DI SVIZZERA-ECUADOR

Hitzfeld azzecca i cambi e ribalta il match. Seferovic la decide allo scadere. E. Valencia è imprendibile, Montero una scheggia


Admir Mehmedi (Getty Images)
Davide Ritacco

15/06/2014 20:02

PAGELLE E TABELLINO DI SVIZZERA-ECUADOR / BRASILIA – La Svizzera batte l’Ecuador solo allo scadere grazie ai cambi di Hitzfeld. Mehmed e Seferovic decisivi. Nell’Ecuador in ombra la stella A. Valencia ma l’omonimo E. Valencia è imprendibile. Montero una scheggia che fa impazzire il povero Lichtsteiner. Così così Shaqiri.

 

SVIZZERA

Benaglio 6 – Incolpevole sul gol non viene quasi mai impegnato perché gli avanti dell’Ecuador sono abbastanza imprecisi. Goffo intervento ma efficace su una punizione di Arroyo. Non infonde molta sicurezza.

 

Lichtsteiner 5 – Dalla sua parte si aggira il cliente più scomodo dell’Ecuador. Montero lo punta continuamente e lo sfida spesso in velocità. Soffre maledettamente soprattutto nella ripresa quando le energie vengono a mancare. Non può spingere come vorrebbe.

 

 

Von Berger 5,5 – Dei centrali è il meno peggio ma non riesce ad arginare E. Valencia e soffre come tutta la difesa. Se la cava con l’esperienza.

 

Djourou 5 – Si fa beffare sul gol del vantaggio ecuadoregno. E. Valencia lo anticipa e spesso lo punta avendo la meglio. Deve sprecare un giallo per fermarlo.

 

Rodriguez 6 – Sulla sua corsia deve badare ad A. Valencia ma il giocatore dello United non è nella sua giornata migliore e allora ha la liberta di spingere come piace a lui. Bello il duello con Paredes.

 

Inler 5,5 – Il giocatore del Napoli e capitano della Svizzera non incide. Ci prova con tiri dalla distanza ma è privo di lucidità.  

 

Behrami 5 – Il suo compito è distruggere il gioco avversario ma patisce la velocità dell’Ecuador. Se poi Inler non brilla e deve impostare tutto diventa più difficile.

 

Shaqiri 6 – Nel primo tempo si vede solo al 16’ con un tiro centrale. Nella ripresa spostato alle spalle della punta e con più libertà riesce a creare maggiori pericoli ma da uno come lui ci si aspettava qualcosa in più.

 

Xhaka 5,5 – Non si vede quasi mai. Limitato nella sua zona si impegna più nella fase difensiva piuttosto che in quella offensiva. Non aiuta Liechtsteiner e non riesce a pungere per niente.
 

Stocker 5 – Gioca una gara anonima senza incidere e senza mai riuscire a creare azioni di pericolo saltando l’uomo. Dal 46’ Mehmedi 7 – Appena entrato segna subito con un colpo di testa che sorprende la difesa dell’Ecuador. E’ di sicuro il più vivace dei suoi cercando spesso di saltare l’uomo e proporsi al tiro.

 

Drmic 5 – Gara sottotono per il giocatore del Norimberga che tanto bene ha fatto nell’ultima Bundesliga. Hitzfeld puntava molto su di lui ma oltre un gol annullato per fuorigioco non si è visto mai. Dal 75’ Seferovic 7 – Entra e nell’unica occasione che gli capita a 30” dalla fine regala i tre punti alla Svizzera fondamentali. Decisivo!

 

All. Hitzfeld 6,5 – Il primo tempo è da cancellare ma azzecca subito il cambio Stocker – Mehmedi e quello decisivo Drmic-Seferovic. Shaqiri spostato dietro Drmic diventa più pericoloso ma della bella Svizzera vista nelle qualificazioni c’è poco.  

 

ECUADOR

Dominguez 6 – Vince il ballottaggio con Banguera ma anche lui non è proprio una garanzia. Stile molto rivedibile ma comunque risulta efficace.
 

Paredes 6 – Spesso deve vedersela con Rodriguez che ama spingere sulla sua corsia. Se la cava bene e resiste. Mezzo voto in meno per un giallo evitabile.

 

Guagua 6 – Lotta bene con Drmic riuscendo ad annullarlo. Sempre molto attento, gestisce con intelligenza ogni situazione. Si fa anticipare da Seferovic, unica, carissima, disantezzione.

 

Erazo 6,5 – Il giocatore del Flamengo è il difensore più esperto e si vede. Fortissimo sul piano fisico e aereo si fa rispettare e comanda con autorità tutta la retroguardia.

 

Ayovi 6,5 – Sulla catena di sinistra, lui con Montero vanno venire gli incubi a Lichtsteiner. Giocatore molto interessante sia in fase difensiva che offensiva.

 

A. Valencia 6 – Dalla stella della squadra ci si aspettava molto di più, invece si limita a gestire la sua zona e raramente offre la sua velocità al servizio della squadra.

 

Gruezo 5,5 – Il ragazzino – classe 95’ – si fa sorprendere da Mehmedi ad inizio ripresa anticipandolo e siglando la rete del pareggio. Accusa un po’ l’errore e non riesce a scrollarsi di dosso la tensione.  

 

Noboa 6 – Grande lottatore di centrocampo, spesso è irruento ma il suo mestiere lo fa e bene in mezzo al campo. La sua sostanza è fondamentale per l’equilibrio dell’Ecuador.
 

Montero 7 – Una furia. L’Ecuador più che appoggiarsi su A. Valencia va sempre da lui che con la sua velocità mette in una difficoltà bestiale Lichtsteiner. Incredibilmente Rueda lo toglie via a metà della ripresa facendo rifiatare la Svizzera. Dal 76’ Rojas 5,5 – Entra al posto di uno dei protagonisti e migliore in campo. Non riesce ad esprimersi ad alti livelli.
 

Caicedo 6,5 – Buona gara dell’attaccante dell’Al-Jazeera. Resta in campo e da una mano preziosa a E. Valencia fin quando le forze reggono. Dal 63’ Arroyo  6 – Ci prova con il suo gran tiro su punizione ma è sfortunato.

 

E. Valencia 7 – La gara di oggi conferma quanto di buono si dice sul suo conto. Non per niente il Porto vorrebbe portarlo in Europa. Da solo tiene in apprensione tutta la Svizzera e fino alla fine cerca sempre lo scatto bruciante.  
 

All. Rueda 6 – Il suo Ecuador applica un 4-4-2 scolastico puntando sulle caratteristiche dei suoi migliori interpreti. Una scelta saggia ma gli manca il cambio di marcia. A differenza di Hitzfeld sbaglia tutti i cambi. Incomprensibile togliere Montero.

 

Arbitro: Irmatov (UZB) 6,5 – Sempre molto ben piazzato non si lascia ingannare per un paio di episodi dubbi richiesti da entrambe le squadre nel primo tempo. Shaqiri si lamenta per un fallo di mano ma non ci sono gli estremi per il rigore, così come non ci sono per l’atterraggio di Caicedo sul finire della prima frazione. Giusta la gestione dei cartellini. Annullato un gol a Drmic per fuorigioco giusto.


TABELLINO

SVIZZERA-ECUADOR 2-1

SVIZZERA (4-2-3-1):
Benaglio; Lichtsteiner, Von Bergen, Djourou, Rodriguez; Inler, Behrami; Shaqiri, Xhaka, Stocker (46’ Mehmedi); Drmic (75’ Seferovic). All. Hitzfeld

ECUADOR (4-4-2): Dominguez; Paredes, Guagua, Erazo, Ayovi; A. Valencia, Gruezo, Noboa, Montero (76’ Rojas); Caicedo (63’ Arroyo), E Valencia. All. Rueda

Arbitro: Irmatov (Uzb)

Marcatori: 22’ E.Valencia (E), 48’ Mehmedi (S), 92’ Seferovic  (S)

Ammoniti: 52’ Paredes (E), 85’ Djourou (S)

Espulsi: -

 




Commenta con Facebook