• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > 'ITALIANS MUNDIAL' - Le pagelle degli 'Italiani' ai Mondiali: brillano Honda e Gervinho, Gargano ine

'ITALIANS MUNDIAL' - Le pagelle degli 'Italiani' ai Mondiali: brillano Honda e Gervinho, Gargano inesistente

I voti dei giocatori del nostro campionato, in campo nella massima manifestazione internazionale


Honda (Getty Images)
Hervé Sacchi (Twitter: @hervesacchi)

16/06/2014 11:56

ITALIANS MUNDIAL VOTI PAGELLE GIOCATORI SERIE A AI MONDIALI / ROMA – Ricca presenza di ‘Italians’ ai Mondiali. Voti alti per Gervinho, Cuadrado e Honda, ma c’è spazio anche per alcune bocciature.

CRISTIAN ZAPATA (Colombia – Milan): voto 6 – Nel finale di stagione ha trovato poco spazio in rossonero, ma ha risposto presente nella prima gara del suo Mondiale. Ogni tanto si è fatto vedere anche in avanti, in modo da far valere la sua stazza sui calci piazzati.

MARIO YEPES (Colombia – Atalanta): voto 6,5 – Grande prestazione da parte del centrale che tiene a bada il veterano Gekas e il rampante Mitroglou. Attenzione, grinta e determinazione dimostrano quanta voglia abbia di fare strada nel suo ultimo torneo mondiale.  

FREDY GUARIN (Colombia – Inter) – In panchina.

CAMILO ZUNIGA (Colombia – Napoli): voto 6 – L’infortunio non è ancora stato smaltito del tutto e, intelligentemente, ha preferito rimanere ancorato dietro lasciando il solo Cuadrado a spingere sulla corsia. Una scelta sapiente, considerando che Samaras avrebbe potuto approfittare degli spazi.

VICTOR IBARBO (Colombia – Cagliari): voto 5,5 – Dei giocatori colombiani è quello che forse ha destato una minor impressione. Ha fatto vedere qualche incursione veloce sulla corsia sinistra, ma non ha mai lasciato il segno. Attenzione che in panchina c’è gente che scalpita e che potrebbe soffiargli il posto già nella prossima partita.

JUAN CUADRADO (Colombia – Fiorentina): voto 7,5 – Fa tutto parte del percorso, in crescendo, che questo giocatore ha incominciato con la maglia viola nella seconda metà di stagione. Sempre decisivo, anche se magari non ha la forza di rimanere così attivo per novanta minuti. Diversamente sarebbe un alieno. Due suoi assist permettono ad Armero e a Rodriguez di ottenere la gioia personale.  

GERVINHO (Costa d’Avorio - Roma): voto 7,5 – Brillante e decisivo, come lo è stato in questa stagione alla Roma. L’estroso esterno ex Arsenal non ha mai mollato, nemmeno dopo lo svantaggio. Segna il gol della vittoria, che permette di mettere in saccoccia tre punti pesantissimi.

VASILIS TOROSIDIS (Grecia – Roma): voto 6,5 – Dietro a Maicon nelle gerarchie di Rudi Garcia, il terzino greco in Nazionale può esprimersi al meglio. Ha mostrato grande attenzione e presenza tattica, limitando non poco Ibarbo. Ogni tanto cerca di rendersi partecipe nella manovra, ma della selezione greca è sicuramente stato uno dei migliori.

VANGELIS MORAS (Grecia – Verona) – In panchina.

PANAGIOTIS TACHTSIDIS (Grecia – Torino) – In panchina.

LAZAROS CHRISTODOULOPOULOS (Grecia – Bologna) – In panchina.

PANAGIOTIS KONE' (Grecia – Bologna): voto 6 – Tutto sommato esce con una buona sufficienza. Il centrocampista bolognese è più dedito a contrastare che a inventare. Prova qualche soluzione dalla distanza, ma senza fortuna.

IOANNIS FETFATZIDIS (Grecia – Genoa): voto 6 – Entra al minuto 56’ per dare una svegliata ai suoi. Giocatore dinamico e veloce, il centrocampista del Genoa non viene seguito nei movimenti. Tanto fumo e niente arrosto, verrebbe da dire. Qualche accelerazione e nulla più. Apprezzabile comunque lo spirito di abnegazione.

YUTO NAGATOMO (Giappone - Inter): voto 6 – Bene in fase di spinta, ma è lacunosa la sua prova in fase di chiusura, anche considerando che i due gol ravvicinati della Costa d’Avorio arrivano sempre dalla zona che avrebbe dovuto provvedere a coprire.

KEISUKE HONDA (Giappone - Milan): voto 7,5 – Tutto ciò che non si è visto di Honda, con la maglia rossonera, è andato in scena nella notte contro la Costa d’Avorio. Giocatore di grandissima qualità, è stato capace non solo di segnare il vantaggio momentaneo dei suoi, ma anche dare il via a tutte le azioni pericolose. Un misto tra un regista e un trequartista, Honda è uscito comunque vincitore dal campo nonostante il risultato della partita dica il contrario.

MARTIN CACERES (Uruguay - Juventus): voto 6 – Prestazione sufficiente, senza acuti. Riesce a limitare le avanzate di Ruiz, ma forse avrebbe potuto spingere di più soprattutto nel finale di gara.  

WALTER GARGANO (Uruguay - Parma): voto 5 – Pur avendo vista la partita, ci accorgiamo solo ora della sua presenza in campo. Dovrebbe essere il regista della squadra, ma tocca pochissimi palloni. Inutile.

DIEGO PEREZ (Uruguay - Bologna) – In panchina.

ALVARO GONZALES (Uruguay - Lazio): voto 5,5 – Entrato al minuto 60’ al posto di Gargano per dare un po’ di vivacità al gioco della sua Nazionale, ma non riesce nell’intento.

ABEL HERNANDEZ (Uruguay - Palermo): s.v. – In campo dal 77’, non ha avuto chance.




Commenta con Facebook