• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Salute, corsi di recitazione per i medici francesi: ecco perchè

Salute, corsi di recitazione per i medici francesi: ecco perchè

Iniziano le collaborazioni tra le Università francesi e la scuola di arte drammatica Louis Juvet


Medico e paziente (Getty Images)

14/06/2014 20:41

Spesso le corsie degli ospedali e i camici bianchi hanno ispirato il mondo dello spettacolo; dal teatro, alla televisione, al cinema. In Francia invece saranno i medici a salire sul palco per corsi di formazione mirati. Motivo?  Non è facile per i dottori annunciare le malattie gravi ai pazienti, per questo, per 'addestrare' i sanitari a comunicare anche le notizie più cattive ai pazienti senza scioccarli e rispettando l'emotività di chi hanno di fronte, i francesi hanno pensato a corsi di teatro dedicati e mirati. Dopo una fase di sperimentazione negli ospedali, alcune facoltà di medicina hanno iniziato a usare la recitazione come metodo.

Secondo uno studio dell'Inca, l'Istituto nazionale dei tumori francese, nfatti, un malato su cinque in Francia, ritiene che l'annuncio della malattia da parte dei medici sia stato 'brutale'. Da qui l'idea.

Nello specifico, la facoltà di medicina di Montpellier-Nimes ha iniziato quest'anno una collaborazione con la scuola di arte drammatica Louis Juvet per integrare nel programma un corso di teatro. Il regista Serge Ouaknine, che partecipa al progetto insieme ad alcuni attori, ha spiegato: "All'Università si impara tutto sulla medicina, ma si tralascia la relazione con il malato".

Claude Reliat, responsabile della formazione all'ospedale di Angers, ha osservato e proseguito: "Quando si annuncia una malattia grave, da una parte c'è chi si aspetta la verità e dall'altra c'è chi si chiede come comunicarla. Serve un savoir-faire, non sono cose che si improvvisano e non c'è una formula valida per tutti".   

S.C.




Commenta con Facebook