• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > PAGELLE E TABELLINO DI COLOMBIA-GRECIA

PAGELLE E TABELLINO DI COLOMBIA-GRECIA

Straripante Rodriguez e Cuadrado show. Nella Grecia delude Samaras, Torosidis non molla mai


rodriguez2.jpg
Marco Cattarulla

14/06/2014 20:53

PAGELLE E TABELLINO COLOMBIA-GRECIA / BELO HORIZONTE – Grande inizio di Mondiale per la Colombia. Uno scatenato Rodriguez illumina e chiude la partita, dopo il raddoppio di Gutierrez. Cuadrado devastante, bravo Armero a sbloccarla subito. Ibarbo spaesato. La Grecia, subito in difficoltà, tradisce con i suoi uomini migliori Samaras e Gekas. Si salvano Torosidis e Kone, mai domi.

 

COLOMBIA

Ospina 7 – Decisivo due volte su Kone, preciso nelle uscite alte e reattivo sulle mischie. Graziato da Gekas.

Zuniga 6 – Non è ancora al 100% e si vede. Si limita a coprire le sfuriate di Cuadrado e mantenere la posizione, e poi dalla sua parte c’è Samaras e lui preferisce coprire.

Zapata 6 – Attento nelle chiusure e negli anticipi. La partita è congeniale per la difesa ermetica della Colombia e lui non sbaglia un intervento.

Yepes 6,5 – Esperienza e tenacia al servizio della squadra. Si divora Gekas e non lo fa mai girare. Si permette anche un coast tu coast palla al piede.

Armero 6,5 – Giornata speciale per l’esterno del Napoli. Alla prima incursione trova il destro che mette la partita su binari perfetti per i colombiani. Gestisce la corsia con personalità, perfetto in fase difensiva. Dal 73’ Arias s.v.

Cuadrado 7,5 – Va a intermittenza, ma quando si accende mette in crisi tutta la retroguardia ellenica. Dopo 5’ trova il fondo, finta di crossare, rientra sul sinistro e mette in mezzo un cioccolatino che Armero trasforma in gol.  E sul gol del 3 a 0, dopo una percussione di 50 metri, ha ancora la lucidità di appoggiare di tacco per il sinistro vincente di Rodriguez. Può essere il suo mondiale

Aguilar 6 – Tanto lavoro oscuro per il centrocampista centrale colombiano. Pressing, copertura e appoggi ai trequartisti. Dal 68’ Mejia 6 – Davanti alla difesa, si limita a tamponare gli attacchi greci.

Sanchez 6 – Anche per lui corsa e attenzione. Recupera molti palloni, prezioso motorino al servizio delle ripartenze colombiane.

Rodriguez 7,5 – Il migliore in campo. Si muove sulla trequarti avversaria, sempre nel vivo della manovra e generoso in fase di copertura. Palla al piede dimostra una grande intelligenza tattica. Favorisce il gol della sicurezza sugli sviluppi di un calcio d’angolo e sigla quello della consacrazione con un sinistro chirurgico su assist di Cuadrado.

Ibarbo 5,5 – Parte largo a sinistra e fatica a trovare il ritmo partita. Macchinoso negli spazi stretti, va un po’ meglio quando la Grecia si scopre. Pasticcia in due contropiedi che poteva gestire meglio.

Gutierrez 6 – Quando la Colombia spinge, cerca di creare spazi per gli inserimenti dei compagni. Non riesce però a imporsi nelle ripartenze, nonostante la rete del momentaneo 2-0. Se in questa Colombia ci fosse Falcao, lui sarebbe sicuramente in panchina. Dal 75’ Martinez s.v.

All. Pekerman 7 – Questa Colombia ha tutto per diventare la sorpresa di questi Mondiali. Difesa rocciosa, esterni rapidi, ripartenze fulminanti. Ma è l’equilibrio tattico che impressiona. Tutti sanno cosa fare, tutti si danno una mano e si muovono all’unisono. Dalla prossima partita recupererà Guarin e la Colombia non potrà che migliorare.

 

GRECIA

 

Karnezis 5,5 – Prende tre gol e ne evita almeno altri due. Sul raddoppio di Rodriguez rimane un po’ imbambolato sulla linea di porta ma di sicuro la coppia centrale difensiva non gli da molta sicurezza.

Torosidis 6,5 – Se Ibarbo fa una fatica tremenda ad accelerare, il merito è soprattutto suo. Urla con i compagni, cerca il fondo tutte le volte che può e sfiora il gol un colpo di testa sugli sviluppi di un angolo.

Manolas 5 – Lento, spaesato. Ha sulla coscienza il vantaggio colombiano perché sulla conclusione di Armero il pallone gli passa sotto il piede. Con un poco più di reattività poteva deviarlo.

Sokratis 5,5 – Ha il merito di mettere la museruola a Gutierrez, ma resta a guardare sul raddoppio di Rodriguez.

Cholevas 5,5 – Nello schieramento di Santos gli esterni dovrebbero fare la differenza ma lui soffre tremendamente l’indolenza di Samaras, che non lo aspetta mai e non gli dà mai l’opportunità di sovrapporsi.

Maniatis 5 – Parte come mediano davanti alla difesa ma di fatti diventa il terzo difensore in fase di impostazione. Tocca parecchi palloni ma sono tutti verso i suoi compagni difensori. Si dimena e chiede palla ma non verticalizza mai e rallenta una manovra ellenica già di per sé soporifera

Kone 6 – L’unico che prova a impensierire Ospina con due grandi conclusioni da fuori area. Corre e lotta, a volte un po’ troppo irruento ma fondamentale per far legna a centrocampo. Dal 78’ Karagounis s.v.

Salpingidis 5,5 – Esterno destro d’attacco, cerca in tutti i modi di rendersi pericoloso con inserimenti senza palla e tanto movimento. Tatticamente utile in una squadra che riesce a fare gioco. Oggi non era giornata. Dal 56’ Fetfatzidis 6 – Cerca di sfruttare la sua velocità ma predica nel deserto.

Katsouranis 6 – Uomo ovunque e uno degli ultimi a mollare. Movimento continuo ma senza costrutto, alla fine si sfianca mentre il giro palla greco non porta da nessuna parte.

Samaras 5 – Dovrebbe essere lui a trascinare la Grecia verso l’impresa ma preferisce fare tutto da solo e intestardirsi con azioni personali. Macchinoso e inconcludente, sfiora però il gol nei minuti finali con un bel sinistro sul palo lontano. Motivo in più per pretendere altro da un giocatore così esperto.

Gekas 5,5 – Il suo compito è quello di sgomitare tra i due difensori centrali colombiani, creare spazio e cercare qualche sponda. Ci riesce a intermittenza. Coglie una clamorosa traversa di testa, a porta vuota, che poteva riaprire la partita. Dal 63’ Mitroglou

All. Santos 5,5 – La Grecia la conoscono tutti. Una squadra che attende l’avversario e cerca qualche ripartenza o situazione da palle inattive. Ma se prendi gol alla prima azione avversaria, diventa difficile impostare una partita d’attacco. Cambia in corsa con tutto quello che ha a disposizione ma questa Colombia era davvero troppo superiore.

 

Arbitro: Geiger 6 – Non ammonisce Sokratis dopo una manciata di minuti per un intervento molto duro su Cuadrado. Corretta l’ammonizione di Sanchez che interrompe una ripartenza greca. Ci poteva stare la simulazione di Samaras che si lascia cadere dopo un’incursione in area colombiana. Partita corretta e ben gestita.

 

TABELLINO

 

COLOMBIA-GRECIA 3-0

 

Colombia (4-2-3-1): Ospina; Zuniga, Zapata, Yepes, Armero (dal 73’ Arias); Aguilar (dal 68’ Mejia), Sanchez; Cuadrado, Rodriguez, Ibarbo; Gutierrez (dal 75’ Martinez).  All.: Pekerman

Grecia (4-2-3-1): Karnezis; Torosidis, Manolas (dal 33' Giocatore), Sokratis, Cholevas; Maniatis, Kone (dal 78’ Karagounis); Salpingidis (dal 56’ Fetfatzidis), Katsouranis, (dal 90' Giocatore), Samaras; Gekas (dal 63’ Mitroglou).  All.: Santos

Arbitro: Geiger

Marcatori: 5' Armero (C), 57' Gutierrez (C), 92’ Rodriguez (C).

Ammoniti: 25' Sanchez (C), 52' Sokratis (G), 54' Salpingidis (G).

Espulsi: -




Commenta con Facebook