• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, De Rossi: "Mondiale col sapore d'addio. Codice etico? Fossi un allenatore..."

Italia, De Rossi: "Mondiale col sapore d'addio. Codice etico? Fossi un allenatore..."

Il centrocampista della Roma e della Nazionale parla a sei giorni dall'inizio della competizione in Brasile



06/06/2014 11:16

ITALIA DE ROSSI NAZIONALE MONDIALE CODICE ETICO PRANDELLI / ROMA - Nel corso di una lunga intervista concessa a 'La Repubblica', il centrocampista della Roma e della Nazionale Daniele De Rossi ha parlato anche dell'imminente Mondiale in Brasile: "Sarà il mio terzo Mondiale e sarà un po' anche un addio. E' l'ultima volta che giocherò con Pirlo, e non ci voglio pensare sennò mi commuovo. Quando in Germania ero a pezzi, per la squalifica di quattro giornate, Andrea mi ha portato a cena con la sua famiglia e mi ha fatto sentire che non ero un reietto. Allora c'era anche Nesta, che subì un brutto infortunio e con cui ci siamo fatti compagnia".

PREPARAZIONE - "Molto faticosa, scientifica, bella. Abbiamo lavorato da matti! 'Casetta Manaus', dove è stata ricreata l'umidita asfissiante dell'Amazzonia, ti ammazzava. Correrci era tosto, ma almeno sappiamo cosa ci aspetta".

CODICE ETICO - "Fossi un allenatore non lo metterei. Anche il ragazzo più buono del mondo può andare in confusione. Se c'è e lo sottoscrivi, però, devi anche accettarlo con grande serenità. Non posso né voglio fare la vittima. Gomitate e cazzotti non sono un mio marchio di fabbrica".

S.D.

 

 




Commenta con Facebook