• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Buffon: "I portieri sono masochisti. Pirlo? Il migliore insieme a Baggio"

Italia, Buffon: "I portieri sono masochisti. Pirlo? Il migliore insieme a Baggio"

Lunga intervista al numero della Nazionale e della Juventus che si racconta tra passato, presente e futuro


Gigi Buffon (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

05/06/2014 17:09

ITALIA BUFFON PIRLO BAGGIO N'KONO / TORINO - Dalle origini al prossimo Mondiale. Un viaggio lungo una vita che il portiere della Juventus e della Nazionale Gianluigi Buffon ripercorre ai microfoni del britannico 'The Guardian'. "Tutti i bambini pensano solo a segnare, ma seguendo il Camerun ho cambiato idea. Sono rimasto stupito da Thomas N'Kono e ho cambiato ruolo".

PORTIERI - "Devi essere masochista per fare il portiere. Masochista ed egocentrico. Masochista perché quando sei in porta sai che l'unica cosa certa nella tua vita è che prenderai gol. E sai che prendere gol non ti rende felice... Il ruolo di un portiere è difficile giudicare, soprattutto se non lo sei stato. Sono state dette e scritte tante cose stupide sui portieri. Il pallone, poi, è diventato troppo leggero ed il rigore più espulsione del portiere per fallo in area è inconcepibile. Ora i portieri devono giocare per la squadra. Qualche volta devono uscire dalla porta e giocare con i piedi, sono più coinvolti".

EREDI - "Neuer è un grandissimo portiere. Poi anche Hart. Ma il giovane che ammiro di più è il belga Courtois. Mi piace molto".

PIRLO - "E' un genio. Lui e Baggio sono i migliori italiani degli ultimi 25 anni. Potete provare a fare qualsiasi cosa per contenerlo, ma in ogni momento può superarti e tutte le contromisure che conosci sono inutili".

MONDIALE -
"La sfida con l'Inghilterra è alla prima, ce ne saranno altre due dopo. Una sfida importante, ma non decisiva. Germania? Ho giocato contro di loro cinque volte e non abbiamo mai perso. Capita!".




Commenta con Facebook