• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI ITALIA-LUSSEMBURGO

PAGELLE E TABELLINO DI ITALIA-LUSSEMBURGO

Positivi Marchisio, Verratti e Cassano. Pirlo inconsistente e Candreva fuori posizione. Nel Lussemburgo bene il capitano Mutsch e Joachim. Disastroso Holter


Italia-Lussemburgo (Getty Images)
Marco Cattarulla

04/06/2014 23:08

PAGELLE E TABELLINO ITALIA-LUSSEMBURGO / PERUGIA - Continua il mal di vittoria dell’Italia. Il migliore è Marchisio, autore del momentaneo vantaggio. Brillano Verratti e Balotelli. Cassano si dimostra fondamentale. Pirlo sottotono, così come Candreva e Chiellini. Per il Lussemburgo, prova positiva del capitano Mutsch, del compagno di reparto Phillips e dell’attaccante Joachim. Holter in difficoltà.

ITALIA

Buffon 6 – Spettatore non pagante fino al gol dell’inaspettato pareggio. Dimostra la solita sicurezza in nei disimpegni con i piedi. 

Abate 6 – Nella prima frazione soffre la scarsa intesa con Candreva, ma si infila negli spazi ogni volta che ne ha occasione. Spinta continua. 

Bonucci 5,5 – E’ libero da marcatura e da lui ci si aspetterebbe più presenza in fase di palleggio. Tenta un paio di lanci ma è troppo impreciso. Dal 77’ Ranocchia – s.v.

Chiellini 5 – Sono queste le partite dove non si deve sbagliare nulla. E lui si fa saltare troppo facilmente da Mutsch in una delle pochissime occasioni del Lussemburgo. E’ impreciso anche nel palleggio. 

De Sciglio 6 - Primo tempo da freccia azzurra. Semina avversari, dribbla e cerca sempre la proposizione. Dalla sua parte gli avversari non trovano mai il fondo. Cresciuto notevolmente rispetto alla precedente uscita amichevole.

De Rossi 6 – Esperienza e senso della posizione. Prandelli lo schiera “alla Pirlo”. In fase di possesso scala tra i due difensori centrali per iniziare l’azione. Prezioso filtro in fase di non possesso. 

Pirlo 5 – Solo una punizione ben neutralizzata dal portiere avversario. Poi trotterella per il campo cercando una posizione che non troverà mai. Non ha la corsa per giocare interno di sinistra e fatica a trovare spazio e tempo di giocata. Poche volte lo abbiamo visto così in difficoltà. Dal 72’ Aquilani s.v

Verratti 6 – Il pescarese inizia come interno destro ma svaria per tutto il centrocampo. Arretra per iniziare l’azione e si accentra per verticalizzare su Balotelli. Sembra proprio che l’Italia non potrà fare a meno del suo talento e della sua dinamicità. Dal 55’ Cassano 6,5 – Tocca il primo pallone e spedisce Balotelli davanti al portiere. Salta sistematicamente l’uomo, pericolo costante. Questa Italia non può fare a meno di lui.

Marchisio 6,5 – E’ in gran forma e si vede. Parte largo a sinistra ma quando si accentra è sempre presente nell’azione. Apre l’azione del gol e la chiude con un grande inserimento e seguente colpo di testa. Sostituito per recuperare le energie, ma è un pilastro fondamentale per il centrocampo. Dall’85’ Parolo s.v.

Candreva 5,5 – Insieme a Pirlo, è l’azzurro che fa più fatica a trovare la posizione. Non si intende con le sovrapposizioni di Abate e ogni volta che prende palla tenta la conclusione ma non inquadra mai la porta. Dal 77’ Insigne s.v.

Balotelli 6 – I compagni lo cercano insistentemente con lanci lunghi e lui si spazientisce. Ma appena ha la palla tra i piedi, inventa il bellissimo assist per il gol del vantaggio. Cerca il gol in tutti i modi ma si ferma sulla traversa, su grande assist di Cassano. Dal 77’ Cerci s.v.

All. Prandelli 6 – Sufficienza sulla fiducia. L’avversario permette l’esperimento del centrocampo folto ma è un assetto da rivedere. Pirlo non può giocare in quella posizione e Balotelli è troppo solo in attacco. Non si può giocare un Mondiale sperando che il singolo inventi qualcosa. Candreva ha faticato più del dovuto e ha giocato fuori posizione. Se voleva testare una sorta di tridente, si sarà accorto che servono giocatori adatti e non centrocampisti improvvisati.

 

LUSSEMBURGO

Moris 6,5 – Non può nulla sul vantaggio italiano, poi si supera su Balotelli e Cerci nel finale. 

Jans 6 –Gran bel duello con De Sciglio. Timido in fase offensiva, ma bravo nei recuperi difensivi.

Schnell 5,5 – Ogni volta che Balotelli parte lui se lo perde. Per sua fortuna l’Italia accelera troppo poco per mandarlo in difficoltà.

Chanot 6 – Mezzo voto in più per il bel gol, storico per la sua Nazione. Come il compagno di reparto, soffre la fisicità e la tecnica di SuperMario

Janish 6 – Se Candreva fatica a trovare la posizione, il merito è anche suo. Grintoso e attento, limita molto bene anche Abate. 

Philipps 6 – Schermo davanti alla difesa, tenta di dar ordine ad una manovra lussemburghese mai fluida. Ci mette testa e corsa e risulta tra i migliori dei suoi. Dal 62’ Payal 5,5 – L’ultima mezz’ora è di apnea per il centrocampo del Lussemburgo e lui partecipa al pressing. 

Holter 4,5 – Dalla sua parte De Sciglio fa cosa vuole. Inesistente. Dal 72’ Deville s.v.

Gerson 5,5 - Ha il merito di tenere impegnato Abate in fase di copertura, anche se non riesce mai ad incidere. Dal 45’ Da Mota – Cerca di mettersi in mostra con qualche cross ma il secondo tempo del Lussemburgo è tutto difesa e contropiede e lui non trova mai gli spazi giusti. 

Mutsch 6,5 – Capitano e uomo ovunque. Pressa a tutto campo e crea l’occasione più pericolosa per i suoi, saltando in area piccolo nientemeno che Chiellini.

Bensi 5 – Dovrebbe appoggiare la prima punta ma si ritrova a rincorrere Verratti. Nel secondo tempo mantiene la posizione. Dal 78’ Martins s.v.

Joachim 6,5 – Attaccante di peso, molto preciso tecnicamente. Lotta su tutti i palloni, difende palla e tenta di far salire la squadra. Riesce a tenere in apprensione la coppia centrale difensiva italiana. Dall’89’ Turpel s.v. 

All. Simonsen 6 – Squadra ben organizzata e tenace. I suoi ragazzi lottano su ogni pallone e trovano un meritato pareggio. Sicuramente la strada giusta per togliersi qualche soddisfazione, già a partire dalle prossime qualificazioni europee.

Arbitro: Skomina 6 – per un soffio non è tra gli arbitri scelti per il Mondiale. Partita tranquilla, senza sbavature. Due ammoniti per gioco falloso, entrambe decisioni giuste.

 

TABELLINO

ITALIA-LUSSEMBURGO 1-1

Italia (4-1-4-1): Buffon; Abate, Bonucci (dal 77’ Ranocchia), Chiellini, De Sciglio; De Rossi; Pirlo (dal 72’ Aquilani), Verratti (dal 55’ Cassano), Marchisio (dall’85’ Parolo), Candreva (dal 77’ Insigne); Balotelli (dal 77’ Cerci).  All.: Prandelli.

Lussemburgo (4-1-4-1): Moris; Jans, Schnell, Chanot, Janish; Philipps (dal 61’ Payal); Holter (dal 72’ Deville), Gerson (dal 45' Da Mota), Mutsch, Bensi (dal 78’Martins); Joachim (dall’89’ Turpel).  All.: Simonsen

Arbitro: Skomina

Marcatori: 8' Marchisio (I), 85' Chanot (L) 

Ammoniti: 49' Philipps (S), 89' Abate (I).

Espulsi: -

 




Commenta con Facebook