• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Zeman: "Insigne sa fare tutto, Immobile e' un bomber. Verratti? Sa giocare..."

Italia, Zeman: "Insigne sa fare tutto, Immobile e' un bomber. Verratti? Sa giocare..."

Il tecnico boemo ha allenato i tre azzurri in Serie B ai tempi del Pescara


Marco Verratti (Getty Images)
Marco Di Federico

03/06/2014 08:10

NAZIONALE VERRATTI ZEMAN MONDIALI / ROMA - In conferenza stampa Marco Verratti ha ringraziato pubblicamente Zdenek Zeman, l'allenatore grazie al quale è esploso in Serie B nel Pescara. L'attuale regista del Paris Saint Germain, Immobile ed Insigne furono i grandi protagonisti tre anni fa della stagione trionfale degli abruzzesi sotto la guida del boemo ed oggi sotto tutti ai Mondiali. "Fa piacere che si ricordino ancora del loro vecchio allenatore. Ci sentiamo ogni tanto. Una telefonata o un sms dopo qualche bel risultato. - ha detto Zeman in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' - Marco durante la preparazione a Pescara ebbe dei problemi. Però ha imparato a stringere i denti. All'inizio giocava poco perché non era fisicamente pronto, poi è entrato e il resto è venuto da sé. Perché Verratti sa giocare...".

INSIGNE - "Sono contento che abbia convinto Prandelli a portarlo nonostante la grande concorrenza. Lui segna e fa segnare. Per me può fare tanti gol e assist anche in Serie A. Ha 18-20 reti nei piedi. Per segnare e servire assist però dipende anche da dove parti: è un attaccante esterno, ha grande resistenza e velocità. Nell'uno contro uno e nella preparazione al tiro è tra i più bravi che io abbia avuto".

IMMOBILE - "Quando l'ho visto a Pescara gli ho detto: tu sarai il nostro bomber. Fece solo 28 gol, ma poteva farne uno a partita. A Genova non giocava prima punta. Una volta tornato centravanti ha fatto vedere quanto vale. Ciro è un generoso, lascia tutto sul campo, lotta, calcia senza paura. Per lui a Dortmund sarà una bella esperienza: potrà giocare e crescere, non solo finanziariamente, imparando nuove cose a livello tecnico e tattico. Ha le spalle larghe e la voglia di arrivare".

 




Commenta con Facebook