• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Hellas Verona > Calciomercato Verona, Sogliano: "Sarebbe stato facile andare via. Iturbe? Vale piu' di 30 m

Calciomercato Verona, Sogliano: "Sarebbe stato facile andare via. Iturbe? Vale piu' di 30 milioni"

Il Ds dell'Hellas spiega la sua decisione di restare in Veneto


Iturbe (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

20/05/2014 18:45

CALCIOMERCATO VERONA SOGLIANO MILAN ITURBE MANDORLINI / VERONA - A tutto Sogliano. Il Ds del Verona, intervenuto ai microfoni di 'Telenuovo', ha parlato del mercato dell'Hellas soffermandosi in particolare sulla sua decisione di respingere le avances del Milan per restare in Veneto: "Al Milan non sarei andato a fare il cameriere di Galliani. Ho deciso di rimanere qui perché so che il prossimo campionato è un campionato difficile. Per me la cosa più facile sarebbe stata andare via dopo una stagione così esaltante. Mi sento legato alle persone che mi hanno dato fiducia e quindi è giusto che resti qui. Non c'entra quello che avrei fatto al Milan".

ITURBE - "Vale di più di 30 milioni. E' un ragazzo straordinario, ha ancora il sogno del giocatore che viene dalla strada. Tanti fenomeni hanno perso quella che fame che lui ancora ha. Lo metterei sotto una campana di vetro. E' questa sua voglia che mi ha fatto innamorare di lui. E' un giocatore che se il Verona riuscirà a cedere a certe cifre allora farà la fortuna del Verona ed andrà via perché è giusto così. Se invece le squadre pensano di prenderlo a poco vi assicuro che rimarrà".

MANDORLINI - "Nel calcio il ruolo di un allenatore è fondamentale, può cambiare le sorti non solo per quanto riguarda la classifica, ma anche il futuro della società a livello economico. Mandorlini è fondamentale anche nell'inserire giocatori e farli rendere al meglio. Non gli abbiamo fatto un biennale non perché non crediamo in lui, altrimenti non sarebbe qui, ma perché la nostra politica è quella di guardarci in faccia ogni anno e decidere se andare avanti o meno".

DIFESA - "Col mister parlo spesso del problema dei troppi gol subiti. E' una squadra più brava ad attaccare che a difendere, questo è un aspetto da migliorare e penso che una squadra in Serie A debba riuscire ad avere un altro atteggiamento difensivo. Dovremo essere più bravi nella fase difensiva". 




Commenta con Facebook