• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Garcia: "Tra un anno piu' forti per vincere. Domenica applausi per la Juventus"

Roma, Garcia: "Tra un anno piu' forti per vincere. Domenica applausi per la Juventus"

L'allenatore giallorosso si racconta nel corso di una lunga intervista


Garcia (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

08/05/2014 14:13

ROMA GARCIA INTERVISTA / ROMA - L'allenatore della Roma Rudi Garcia, protagonista di una stagione esaltante al suo debutto in Serie A, ha rilasciato una lunga intervista a 'La Repubblica', a pochi giorni dalla partita contro la Juventus: "Domenica voglio che sia una festa del pallone, per noi e per la Juve. Lo scudetto l'hanno vinto loro, complimenti. Bravi loro e bravi anche noi. Siamo arrivati secondi giocando spesso un buon calcio, è un risultato superiore alle aspettative. Tra un anno dovremo essere più forti se vogliamo vincere noi. Personalmente, non sopporto l'idea di non poter migliorare. Chiedo al nostro pubblico di applaudire le due squadre più forti del campionato e, alla fine, chi avrà vinto la partita".

SCUDETTO - "Ci ho creduto fino alla partita col Sassuolo, che ha pure giocato una partita bella e coraggiosa. I sorpassi incredibili sono nella storia del calcio. Ci resta la soddisfazione di aver tenuto sotto pressione fino a tre giornate dalla fine una Juve che viaggiava a ritmi-record".

CATANIA - "Abbiamo sbagliato tutti, io per primo. Vedremo di farne tesoro. La stagione resta molto positiva".

AMBIENTAMENTO A ROMA - "Dicono che ho fatto molto in fretta a capire la Roma. Ho deciso fin dall'inizio che non m'interessava il passato, per me conta solo il presente. Ho trovato un ottimo gruppo, siamo partiti bene, con segnali chiari: Francesco che cede il pallone a Osvaldo, Daniele che segna a Livorno e chiude il tormentone del va o resta, Federico che segna nel derby".

SERIE A - "Mi ha colpito l'utilizzo della difesa a 3, poco diffusa in Europa. Io ho sempre difeso a 4, su tutto il resto si può discutere. E una sola volta ho usato la marcatura a uomo, contro il Lione: Keita su Juninho, l'ha cancellato. Se lo rifarei? Mai dire mai".




Commenta con Facebook