• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Prandelli: "Abbiamo toccato il fondo. Mondiale? Ci sono buone idee"

Italia, Prandelli: "Abbiamo toccato il fondo. Mondiale? Ci sono buone idee"

Il ct parla dei temi caldi del calcio nostrano


Cesare Prandelli (Getty Images)
Mattia Boscaro

07/05/2014 20:30

Cesare Prandelli ha parlato al 'Tg5' dei temi più caldi del calcio italiano, a partitre dai vergognosi episodi dell'Olimpico: "La prima considerazione è che abbiam toccato il fondo. Tutti noi – non soltanto il mondo del calcio, ma anche il Paese – dobbiamo fare qualcosa. Gli stadi devono tornare a essere protagonisti dell'evento e nessun altro deve ergersi a protagonista. Tutto il resto è incontrollabile al momento e dobbiamo tornare a considerare che il codice penale c'è e va applicato. Come rimediare? Parliamo di violenza da anni e non l'abbiamo debellata. Altre nazioni hanno avuto lo stesso problema in maniera più grave e sono riuscite ad auto-punirsi: mi riferisco all'Inghilterra, che ha attuato disposizioni rigide. Dovremmo fare lo stesso perché altrimenti un organo superiore dirà che l'Italia non sarà all'altezza dell'Europa".

COSTO DELLA PREVENZIONE - "La sicurezza negli stadi è un problema di tutti. Rispondo con una provocazione: togliamo tutte le barriere e i controlli, così si azzererebbero le spese, però il primo che sbaglia deve essere punito".

 

MONDIALE - "Di proibitivo non c'è nulla nel calcio, ma solo cose complicate. Quando noi italiani sappiamo che c'è qualcosa di complicato arriviamo preparati all'evento e io sono convinto che gli 'Azzurri' arriveranno preparatissimi. In Italia non c'è nulla di segreto, ma abbiamo provato a prepararci con qualcosa di segreto al clima molto diverso che c'è in Brasile. Abbiamo delle idee che sicuramente ci saranno utili. Mettere i calciatori in una serra? No, niente del genere (ride, ndr)"




Commenta con Facebook