• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-VERONA

Mauri salva la Lazio al 93’. Un Iturbe devastante non basta al Verona per portare a casa i tre punti


Iturbe (Getty Images)
Davide Ritacco

05/05/2014 21:34

PAGELLE E TABELLINO LAZIO-VERONA/ROMA – Spettacolo all''Olimpico' con un pareggio inutile. Iturbe fa il bello e il cattivo tempo. Mauri salva la Lazio allo scadere, ribadendo in rete il rigore sbagliato. Nella Lazio male Radu, mentre nel Verona Toni non incide. Lulic e Albertazzi lasciano le squadre in dieci.

 

LAZIO

Berisha 6,5 – Viene graziato in avvio da Toni che, lanciato dal duo comico Biglia-Biava, spara a lato. Incolpevole sui gol, si destreggia bene nel resto della gara salvando ancora su Toni.

Konko 5,5 – Dalla sua parte non deve particolarmente faticare per contenere gli attacchi del Verona, eppure non riesce ad emergere ma soprattutto a spingere con continuità.

Biava 5,5 – L’inizio non è dei migliori con errori da matita blu, compreso la disattenzione sul gol. Nella ripresa torna ad essere il solito spigoloso difensore.

Cana 6 – Più autorevole del compagno di reparto. Fa una bella figura nello scontro – tutto fisico – con Toni. Appena dopo la sua uscita la Lazio prende il gol. Dal 82’ Gonzales s.v.

Radu 5 – Dalla sua parte si aggira un certo Iturbe. Fatica a tenerlo. Alla fine, dopo l’uscita di Cana passa al centro della difesa e lascia passare il cross del 2-3.

Biglia 5,5 – Il primo tempo è una successione di errori: il più clamoroso è lo scontro con Biava che offre a Toni un assist al bacio. Poi, quando finalmente può esultare segnando con un tiro magnifico, viene beffato dal fischio dell’arbitro. Dal 73’ Klose s.v.

Ledesma 5,5 – Se Biglia non brilla, lui non accende quasi mai la luce. Se la velocità non è stata mai una sua peculiarità, questa volta manca anche in geometria e lucidità.

Lulic 6,5 – Da mezzala da un contributo fondamentale anche in zona gol. Bellissimo il tiro che sigla il vantaggio. Oltre alla rete, resta il solito corridore generoso che dà sempre una mano ai compagni. Macchia la sua bella prestazione con un'espulsione giusta per un brutto fallo su Iturbe.

Candreva 6,5 – Quando, nel 2010, il CT Lippi lo convocò per lo stage premondiale, in tanti storsero il naso, eppure quel ragazzino, oggi, è il miglior centrocampista della serie A con cinque gol nelle ultime cinque gare, dodici in totale. Anche stasera conferma di essere in stato di grazie con l'assist per Keita e giocate mai banali. Dal 80' Felipe Anderson s.v.

Mauri 6,5 – La moda del 'falso nueve' non risparmia nemmeno il capitano di mille battaglie. Ma a dirla tutta non è il suo ruolo. Ciò nonostante si adatta bene arretrandosi e facendo l'elastico con il centrocampo. Reja gli lascia comunque libertà di movimento. Alla fine sigla il gol del pareggio.

Keita 6,5 – Nel primo tempo si vede in una sola occasione: il gol. Nella ripresa spazia su tutto il fronte d'attacco e la sua prestazione lievita.

All.: Reja 5 – La sua squadra non è fornita di tanti fuoriclasse, eppure continua a giocarsi un posto in Europa. E' un merito ma gli errori nei cambi stasera hanno pregiudicato la gara.

 

VERONA

Rafael 5,5 – Al primo tiro che subisce, dopo pochi minuti, per poco non si trovare fuori posizione. Da lì si capisce subito che non è la sua migliore serata. Para il rigore ma Mauri lo beffa sulla ribattuta.

Pillud 5,5 – Dalla sua parte si alternano sia Keita che Candreva. Lui ha la costante di essere sempre in difficoltà con entrambi.

Moras 6 – Parte bene con una grande prepotenza fisica ma appena la Lazio la mette sulla velocità resta indietro. Sfiora il gol su azione d'angolo.

Marques 5,5 – Il brasiliano la mette sul piano fisico e se la cava ma è in difficoltà nel seguire il valzer di Mauri in avanti.

Albertazzi 5 – Come il collega Pillud, ha la sfortuna di vedersi affrontare da due clienti scomodi come Keita e Candreva. Sfiora il gol colpendo il palo. Chiude male, con il fallo da rigore e l'espulsione per doppio giallo.

Sala 6 – Gioca molti palloni e per questo la percentuale di errore è alta. Tra tutti questi palloni arriva anche l'assist prezioso per la rete di Iturbe. Dal 81' Gomez s.v.

Donadel 6 – Senza il giusto supporto dei compagni è costretto a lottare da solo e cercare di dare anche un minimo di geometria alla squadra. Stringe i denti e porta a casa la sufficienza. Dal 65' Cirigliano 6 – Ha preso subito in mano la squadra dando molta più rapidità e manovra.

Hallfredsson 6 – L'opera di raccordo con la prima linea funziona bene specie nel primo tempo. Cede un po'alla distanza e il Verona ne soffre.

Iturbe 7,5 – Devastante! Ogni volta che prova a partire viene regolarmente steso dagli avversari. Quando ci prova lui viene punito eccessivamente con un giallo che gli farà saltare il prossimo match. Mette la firma sul tabellino con il gol del pareggio. Un uragano devastante.

Toni 5 – Poche occasioni per mettersi in mostra per continuare a cullare il sogno mondiale. Ne spreca tre: non può permetterselo se davvero vuole convincere Prandelli. Non arriva il ventesimo gol.

Marquinho 6,5 – Nel suo derby personale trova il diagonale vincente che vale il momentaneo pareggio. Per di più con il piede meno educato. Dal 65' Romulo 6,5 – Rientra dopo l'infortunio e fa capire quando fondamentale sia per il Verona. Prandelli fa bene a tenerlo d'occhio.

All.: Mandorlini 6 – Corregge la squadra in corsa, stravolgendo l’'ssetto iniziale. Accarezza una vittoria che sarebbe stata fondamentale per l’Europa. Ma con questo Iturbe può sperare e sognare.

Arbitro: Mazzoleni 5 – Sacrosanta l'ammonizione a Radu. Inutile l'esultanza di Biglia in occasione del suo gol, perché giustamente Mazzoleni aveva fischiato prima del tiro. Eccesivo il giallo a Iturbe sul finire del primo tempo. Nella ripresa grazia Albertazzi non sanzionandolo con il secondo giallo. Inevitabile il rosso a Lulic. Dubbi in occasione del rigore.

 

TABELLINO

 

LAZIO – VERONA 3-3

Lazio (4-3-3): Berisha; Konko, Biava, Cana (dal 82’ Gonzales), Radu; Biglia (dal 73’ Klose), Ledesma, Lulic; Candreva (dal 80’ Felipe Anderson), Mauri, Keita. All.: Reja

H. Verona (4-3-3): Rafael; Pillud, Moras, Marques, Albertazzi; Sala (dal 81’ Gomez), Donadel (dal 65’ Cirigliano), Hallfredsson; Iturbe, Toni, Marquinho (dal 65’ Romulo). All.: Mandorlini

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 29’ Keita (L), 37’ Marquinho (V), 60’ Lulic (L), 69’ Iturbe (V), Romulo (V), 93’ Mauri (L)

Ammoniti: 19’ Radu (L), 43’ Iturbe (V), 49’ Albertazzi (V), 76’ Rafael (V), Hallfredsson (V), 92’ Albertazzi.

Espulsi: 85’ Lulic (L), 92’ Albertazzi (V)




Commenta con Facebook