• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-ROMA

PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-ROMA

Izco straripante, Rolin distratto. Totti ci crede, la Roma no


Totti e Castro (Getty Images)
Antonio Russo

04/05/2014 17:46

PAGELLE E TABELLINO CATANIA-ROMA / CATANIA – La Roma perde a Catania e consegna anzitempo lo scudetto nelle mani della Juventus. Grande protagonista del match, Izco autore di una doppietta. Tra le fila romaniste, invece, l’unico a crederci sino alla fine è il solo Totti, autore del suo 235° goal in Serie A. Male, infine, Dodo protagonista in negativo nel match.

 

CATANIA

Frison 6 – Non viene praticamente mai impegnato dai capitolini. Incolpevole sulla rete di Totti, si fa trovare sempre pronto però quando deve intervenire.

Peruzzi 6,5 – Giocatore sicuramente da tenere sottocchio. L’italo-argentino è una presenza costante nella fase offensiva etnea. Ha gamba, qualità e il tempo dalla sua parte.

Gyomber 6,5 – Narcotizza Ljajic e lascia solo le briciole agli avversari. Implacabile di testa, rende impenetrabile la retroguardia etnea.

Rolin 5,5 – Si distrae sul doppio vantaggio e lascia Totti libero di calciare verso Frison. Distrazione grave che pregiudica sin lì una prestazione a dir poco perfetta.

Monzon 6,5 – Distrugge Maicon e coadiuvato da Gyomber mette la museruola a Ljajic. In attacco non si fa molto notare, ma in difesa è praticamente perfetto.

Rinaudo F. 6,5 – Pellegrino gli affida le chiavi del gioco etneo, strappandole di fatto dai piedi di Lodi. La scelta si rivela decisamente felice. L’ex Sporting indovina, infatti, sempre la serratura giusta in cui inserire la palla. Con precisione scandisce i tempi della manovra rossoazzurra. Dall’87’ Lodi s.v.

Izco 8 – Sempre pronto a mordere le caviglie avversarie, quest’oggi si mostra anche molto propositivo. Spesso si sgancia dalla linea di metà campo e s’inserisce alle spalle di Dodo.  Si mostra freddissimo dinanzi a De Sacntis e lo trafigge per ben due volte.

Barrientos 7 – Meno propositivo del solito, dialoga comunque molto bene con i compagni. Nel secondo tempo si libera dai compiti difensivi, e nel finale trova anche una strepitosa rete che mette in ghiaccio il match.  

Leto 6,5 – Assist stupendo, col tacco, per l’accorrente Izco in occasione del primo goal etneo. Tanta qualità per il calciatore argentino che ha dato spesso quel quid in più alla manovra siciliana. Dal 65’ Plasil s.v.

Bergessio 7 Sulla rete del Catania è bravissimo a dare i tempi alla squadra. Tiene bene palla e fa respirare i compagni. Dà il via a tutte le ripartenze rossoazzurre. Nella ripresa è lui che ripristina le distanze tra Catania e Roma con un goal di rapina.

Castro 6 – Nel super-Catania di quest’oggi è forse quello che si mette meno in luce. Svolge il compitino con diligenza senza commettere errori, ma non fa nulla di trascendentale. Dall’82’ Biraghi s.v.

All. Pellegrino 7,5 – Il suo Catania rientra improvvisamente in carreggiata dopo un campionato trascorso fuori strada a guardare tutte le altre. Gli etnei quest’oggi hanno mostrato la giusta cattiveria agonistica per salvarsi. Squadra corta, compatta e ripartenze veloci, questa la ricetta giusta per non scendere in cadetteria. Ottima, infine, la scelta di puntare su Rinaudo a centrocampo.

 

ROMA

De Sanctis 5,5 – Sbaglia diversi rilanci e non è esente da colpe sulle reti etnee.  Nel finale si riscatta con tante buone parate che contengono il passivo.

Maicon 4,5 – Come sempre, tra i due terzini, è quello che spinge di più. Tanti però gli errori in fase d’appoggio. Completa la sua pessima prestazione non uscendo a pressare Barrientos, che trova la rete del quattro a uno.

Castan 5 – Probabilmente la peggiore partita stagionale per il centrale brasiliano. Lento e impacciato, non riesce a tenere Bergessio e compie diversi errori da penna rossa. Esce anzitempo un po’ ammaccato. Dal 57’ Benatia 5,5 – Torna dall’infortunio, e questa è una buona notizia. Purtroppo cade anche lui nel buco nero giornaliero in cui sembra essere caduta la Roma. Commette tanti, troppi errori.

Romagnoli 6 – Il giovane difensore anziato viene schierato per l’occasione centrale. Nonostante giochi fuori ruolo non demerita. La difesa e il centrocampo giallorosso sbandano tanto, ma lui non commette errori particolari. Il più giovane è l’unico a salvarsi nella retroguardia capitolina.

Dodo 4,5 – Lento e svagato si perde spesso Izco, che fa un po’ quello che vuole di lui. Soffre tanto Peruzzi e in fase offensiva non si fa vedere praticamente mai. Lascia la sua firma sulle prime due reti etnee, così non va.  

Pjanic 4,5 – Dopo il grande goal di settimana scorsa “alla Maradona” si eclissa inspiegabilmente quest’oggi. È innegabile che sia tra i migliori centrocampisti del campionato italiano, ma quest’oggi non c’è con la testa.

De Rossi 5,5 – Soffre i dinamici centrocampisti rossoazzurri e sbaglia diversi, semplici, appoggi. Un po’ come tutta la Roma mostra il peggio di sé quest’oggi. L’azione della rete di Totti parte da un suo illuminante lancio, ma è l’unico raggio di sole in una prestazione opaca.

Taddei 5 – Dopo i tanti elogi e applausi presi nelle ultime giornate, il brasiliano quest’oggi si deve prendere qualche fischio. Il Catania imprime nei primi minuti un ritmo forsennato al match e lui sembra soffrirne. Si dimentica in più occasioni di seguire Izco, che colpisce la Roma due volte. Dal 37’ Gervinho 5,5 – Sul crepuscolo del primo tempo va vicino alla rete che rimetterebbe le cose al loro posto. Col passare dei minuti però si adegua anche lui ai ritmi lenti della squadra.

Florenzi 5,5 – Compie delle buone giocate e sulla rete di Totti è bravo a servire di testa l’accorrente capitano. Cala nel secondo tempo quando viene arretrato sulla linea dei centrocampisti. 

Totti 6,5 – Nel match è tra i pochi a salvarsi tra i giallorossi. Con un raggio di luce squarcia il grigio pomeriggio romanista regalando una speranza. È il suo 235° goal in Serie A quello che riapre il match. La città eterna si affida per l’ennesima volta al giocatore eterno, ma questa volta non basta.

Ljajic 5 – Non si fa mai notare durante la partita e tocca davvero pochi palloni. La sua stagione non è certo da incorniciare, troppo discontinuo. Dal 57’ Bastos 6 – È tra i pochi a portare pericoli dalle parti di Frison. Sulla fascia di competenza compie buone giocate e mostra una discreta forma fisica.

All. Garcia 5 – Quella frase in conferenza stampa non ha di certo giovato ai suoi giocatori. La Roma quest’oggi è, infatti, scesa in campo praticamente già sconfitta. Il peccato maggiore dei giallorossi è stato quello di essere eccessivamente morbidi negli interventi. Il tecnico ha, probabilmente, la colpa di aver sfilato il coltello dai denti dei propri calciatori. Resta comunque una stagione strepitosa per i capitolini. 

 

Arbitro Banti 5,5 – A tratti sembra sfuggirgli il match di mano. Qualche sbavatura nella gestione dei cartellini. Errato, infine, convalidare il goal della Roma, che nasce da una posizione di offside di Florenzi.

 

TABELLINO

CATANIA-ROMA 4-1

CATANIA (4-3-3): Frison; Peruzzi, Gyomber, Rolin, Monzon; Rinaudo F.(dall’87’ Lodi), Izco, Barrientos; Leto(dal 65’ Plasil), Bergessio, Castro(dall’82’ Biraghi). Ficara, Capuano, Biraghi, Cabalceta, Lodi, Keko, Boateng Ki., Fedato, Plasil, Caruso, Garufi, Fedato. All. Pellegrino.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Castan(dal 57’ Benatia), Romagnoli, Dodo; Pjanic, De Rossi, Taddei(dal 37’ Gervinho); Florenzi, Totti, Ljajic(dal 57’ Bastos). Skorupski, Lobont, Jedvaj, Benatia, Torosidis, Ricci, Mazzitelli, Bastos, Gervinho, Pellegrini, Marin. All. Garcia.

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Marcatori: 26’ Izco (C), 34’ Izco (C), 37’ Totti (R), 56’ Bergessio (C), 79’ Barrientos (C)

Ammoniti: 12’ Dodo (R), 30’ Romagnoli (R), 61’ Rinaudo (C), 61’ Gervinho (R), 85’ Pjanic (R), 86’ Totti (R)

Espulsi:




Commenta con Facebook