• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Coppa Italia > Fiorentina-Napoli, questura di Roma: "Gesto folle di un singolo. Non ci sono state trattative c

Fiorentina-Napoli, questura di Roma: "Gesto folle di un singolo. Non ci sono state trattative con gli ultras"

Il questore Mazza ha spiegato la dinamica: D.D.S. avrebbe agito da solo. La partita non e' mai stata a rischio rinvio


Lo Stadio Olimpico (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

04/05/2014 13:43

CALCIO COPPA ITALIA FIORENTINA NAPOLI QUESTURA ROMA DINAMICA / ROMA- Il questore di Roma Massimo Piazza è intervenuto in conferenza stampa per spiegare la dinamica dei fatti di ieri sera che hanno portato al ferimento del tifoso del Napoli Ciro Esposito (ora gravissimo) prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Roma, il cui calcio d'inizio è stato rinviato di 45 minuti. Queste le parole di Piazza: "L'aggressore ha sparato colpi di pistola ed è stato arrestato per rissa e tentato omicidio. Non ci sono stati contatti tra opposte tifoserie. Non si sono materializzati tifosi romani ad eccezione di D.D.S. (il quale non frequentava più lo stadio da tempo) che ha sfidato i supporters napoletani che lo hanno inseguito, lui è scivolato, si è visto circondato ed ha sparato. Scontri tra tifosi napoletani e le forze dell'ordine. Ordine pubblico andato bene, è successo l'imponderabile. Situazione senza precedenti ma non c'è stata premeditazione. I 45 minuti di rinvio sono stati dovuti in parte al riscaldamento. Nessuno ha pensato mai di non far giocare la partita. La società Napoli ci ha chiesto che il capitano spiegasse la situazione ai tifosi perchè si stava spargendo la voce che il tifoso fosse morto. Hamsik ha spiegato che i tifosi della Fiorentina non erano coinvolti e che il tifoso era grave e non deceduto. Società, federazione e forze dell'ordine erano concordi che la partita si giocasse. Si era diffusa la voce che ci fosse anche un bambino deceduto coinvolto. Non c'è stata trattativa con i tifosi, la partita doveva essere e poteva essere giocata"




Commenta con Facebook